Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

ECOWALD - MontagnaOnline.com

ECOWALD

Category: Portfolio Created: Martedì, 26 Aprile 2016 08:29 Hits: 1009
Rate this article

L’azienda di Transacqua (Trento) fondata nel 2001 da Sandro Simoni si occupa di movimenti terra e neve, rispristini ambientali, sfalcio di erba, sistemazione di terreni, trattamenti di strade.

 

 

Ecowald Simoni Ecowald Robogreen
Sandro Simoni davanti a uno dei tanti mezzi meccanici di cui dispone la sua azienda Il Rogreen in azione
 

Conoscere Sandro Simoni vuol dire scoprire un giovane uomo intraprendente e appassionato del proprio lavoro e dell’impresa che ha fondato nel 2001 e che conduce da solo («Molti mi chiedono come faccio… Scusate l’espressione, ma mi faccio il culo»), contando soltanto su collaborazioni esterne quando le occasioni lo richiedano. La ditta Ecowald («Ecoforeste non mi piaceva tanto e allora ho avuto un’ispirazione e ho usato “wald“ che vuol dire foresta o bosco in tedesco») ha sede a Transacqua, provincia di Trento, e si occupa di movimenti terra e neve, sfalcio erba (su prati, parchi, piste da sci, pendii, superfici di grandi metrature), fresatura e stabilizzazioni terreni, realizzazioni di opere di sostegno stradali e di contenimento, opere di bonifica e ripristino terreni.  Sandro stesso è di Transacqua («1800 abitanti circa, recentemente accorpato al comune di Primiero San Martino di Castrozza»), ha 38 anni, è ancora formalmente single ma ama la donna con cui vive («Si chiama Elena ed è quasi più brava di me sul lavoro»), ha imparato a sciare («Abbastanza bene»») da autodidatta e per due stagioni ha lavorato sugli impianti della Tognola a San Martino di Castrozza. Fin da ragazzo ha coltivato una passione particolare per i mezzi meccanici da lavoro e, lavorando in diverse imprese edili della sua zona come autista, ha cominciato a cullare il sogno trasformato in realtà a soli 24 anni. Ricorda che «una legittima ambizione e un forte orgoglio personale mi hanno spinto alla decisione di rischiare e di mettermi in proprio». Ma evidentemente c’è anche qualcosa di più della istintiva spinta imprenditoriale ad un maggiore benessere e all’affermazione personale quando  ci si sente dire: «Se amo la natura? È dir poco: scusate l’espressione ma…sono incazzato perché vedo come la nostra società ricca la tratta. Una volta, quando non avevamo niente, curavamo tutto; adesso che abbiamo tutto non curiamo più niente». È sufficiente per capire lo spessore del personaggio e l’impegno con cui quasi trasforma la sua attività in una missione? Se ci sono terreni da sistemare, prati da pettinare, ambienti da bonificare, pendii da curare, sentieri da pulire, strade bianche da ripristinare, masse di terra o di neve da spostare chiamate Sandro e avrete un lavoro finito a regola d’arte, svolto con l’esperienza, la serietà e la professionalità di uno che conosce bene il proprio mestiere e soprattutto crede in quello che fa non solo per se stesso ma per rendere migliore, più bello e ordinato il terreno su cui opera con mezzi e tecniche all’avanguardia sempre in linea con le diverse richieste. Da quando ha cominciato gli incarichi sono costantemente cresciuti e il capannone/magazzino di Imer (a 3 km da Transacqua) si è arricchito di una flotta di mezzi che oggi comprende un escavatore da 90 quintali  e un altro di minori dimensioni, una pala da 80 quintali, due rimorchi e un trattore da 200 cavalli che può essere attrezzato con la lama da neve, con frese per neve e sassi, con un braccio per lo sfalcio lungo le strade. Recentemente è entrato nella scuderia Ecowald anche il Robogreen, la nuova macchina trincia radiocomandata particolarmente adatta per sfalciare erba su pendenze accentuate, ultimo gioiello della ditta Energreen di Cagnano di Pojana Maggiore (Vicenza). «Lo scorso agosto – dice Simoni – ho sfalciato io con questo nuovo mezzo  la pista della Gran Risa in Alta Badia dove si svolge ogni anno il mitico gigante di Coppa del Mondo. Ho scelto di rivolgermi alla Energreen perché è  leader nella progettazione e nella costruzione di questi mezzi con una vasta scelta di cingolati tutti radiocomandati che va dai 30hp ai 140hp. Il Robogreen è un porta attrezzi con la possibilità di applicazioni vaste, per innumerevoli lavorazioni in differenti luoghi di lavori per raggiungere terreni impegnativi. Negli ultimi anni si vedono sempre più spesso incidenti di ribaltamento di mezzi meccanici che lavorano nel contesto montano ed anche questo è uno dei motivi che mi hanno spinto ad acquistare un mezzo radiocomandato che può' lavorare su pendenze fino a 55° in tutta sicurezza , senza uomo a bordo per garantire in primis l'incolumità dell’ operatore ma anche il principio di responsabilità delle società e dei committenti». Sarebbe bello vedere come se la cava tecnicamente Sandro come sciatore scendendo nella vertigine della Gran Risa ma questo è un altro discorso.  Intanto lui il pendio della Gran Risa l’ha sistemato alla perfezione consentendo in dicembre la stesura di un fondo innevato perfetto  che ha visto i fuoriclasse del Grande Sci  darsi battaglia tra le porte larghe del gigante più spettacolare del Circo Bianco. Con il Robogreen la Ecowald ha fatto un altro passettino in avanti sulla strada della propria operatività in settori diversi («Il lavoro non manca – dice Simoni – ancora più tra la primavera e l’autunno ma anche l’inverno offre molti incarichi. Che si potrebbero gestire più facilmente se amministrazioni locali e società degli impianti non decidessero sempre all’ultimo momento, quando la neve arriva…»). Dunque, ricapitoliamo: Ecowald è un’azienda specializzata nel settore movimento terra e nella manutenzione stradale, nello sgombero neve e nello sfalcio d'erba, nelle sistemazione dei terreni, nelle bonifiche agrarie e nei ripristini ambientali. Per quanto riguarda il movimento terra si può contare in un servizio di scavi generali  per poi arrivare alla sistemazione del terreno e alla costruzione di strutture come scogliere, arcie. In questo contesto le lavorazioni  sono molteplici, come la fresatura dei sottofondi stradali e, dove sia richiesta, la macinazione dei terreni. Il tutto sempre garantendo un lavoro a regola d'arte. Il tutto sulla base di una vocazione al rispetto e alla cura dell’ambiente, al mantenimento di quel patrimonio naturale che troppo pesso offendiamo. « Un problema che mi sta molto a cuore – conclude Simoni - è la trascuratezza di cui sono vittime molte zone montane, dove prati e pascoli se abbandonati a se stessi si arrendono all'avanzamento della crescita di cespugli,  rovi e boscaglia disordinata. Con una  adeguata manutenzione si possono evitare problemi a livello di sicurezza, si può attuare una efficace prevenzione degli incendi  e di tutti quei eventi franosi che si creano proprio per l'abbandono del territorio». Ecco qua. Vi abbiamo presentato Sandro Simoni e la sua Ecowald: nome, cognome e marchio di un’attività che vive come una passione.