Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

GEA Un mondo di divertimento per l’«universo-bambino» - MontagnaOnline.com

GEA Un mondo di divertimento per l’«universo-bambino»

Category: Portfolio Created: Lunedì, 05 Giugno 2017 04:57 Hits: 301
Rate this article
 

Soprattutto ai più piccoli è ispirata la filosofia produttiva dell’azienda di Langhirano (Parma) guidata da Giovanna Della Cagnoletta e Matteo Pulli. Soprattutto pensando ai più piccoli e alla loro naturale propensione al gioco e all’apprendimento si è sviluppata nel corso di oltre vent’anni un’attività estremamente articolata, sempre condotta sul filo della creatività e dell’innovazione, sempre concretizzata all’insegna della qualità costruttiva, sempre rapportata ad una stretta interazione con la committenza. Oggi «il prodotto GEA» si compone di una estesa serie di proposte accorpate in diversi dipartimenti, tutte ispirate da una filosofia produttiva che sposa gioco e sport, formazione e apprendimento, tecnologia e rispetto della natura. Sono nate così infinite proposte per parchi-gioco, installazioni ludiche, percorsi didattici che sono a disposizione di quelle località invernali ed estive, di quelle città e di quei paesi che vogliano obbedire ad un comandamento sempre più sentito: divertire!
 
Divertimento: basta la parola? No che non basta. Divertimento può essere soltanto la banale traduzione italiana del sostantivo inglese «fun» o il moto del tutto soggettivo ispirato da uno spettacolo, una battuta, una barzelletta, dalle più svariate e più piacevoli occasioni della vita. Divertimento è qualcosa di diverso e di più impegnativo quando diventa uno scopo da perseguire, un programma di lavoro, un obiettivo da raggiungere, un progetto da realizzare, un piacere da costruire. Creare il divertimento, inventarlo, proporlo in mille modi diversi e in diverse situazioni ambientali, senza limiti e stagioni, è la «mission» della GEA, l’azienda di Langhirano (Parma) che non a caso ha scelto come sottotitolo della propria ragione sociale la dicitura «Fun Experience, specialisti del divertimento». Giovanna Della Cagnoletta, figlia di un pioniere dell’innevamento tecnico, ha avviato questa attività produttiva  volta a creare occasioni ed esperienze di divertimento negli anni Novanta,  quando ha cominciato la diversificazione orientata ad affiancare alla produzione dei «cannoni sparaneve» (il paterno marchio Valteco) quella per la realizzazione di componenti, attrezzature, installazioni per lo svago e il tempo libero, vedendo quanto questo tipo di attività fosse già vivo negli Stati Uniti o in Francia. «Il primo prodotto – ricorda Giovanna - fu lo snowtubing che importai dagli Stati Uniti dove ero stata proprio per vedere come fosse sviluppato quel settore oltreoceano». Quando, nel 2000, Della Cagnoletta cede Valteco si rende dunque necessario dare un nome proprio e autonomo all’attività che stava crescendo. Nasce GEA, che è anche il nome di una divinità della mitologia greca ma non c’entra niente. GEA invece c’entra molto con una sensibilità e un bisogno di «loisir» che stava montando nelle città e nelle località turistiche alla ricerca di spazi e strutture capaci di attrarre e divertire soprattutto i bambini e le loro famiglie. «All’inizio ci eravamo concentrati quasi esclusivamente sulla montagna e sull’inverno, per i primi 4-5 anni il grosso del nostro fatturato proveniva dalle stazioni sciistiche. In Italia non è stato facile proporre il nostro tipo di produzione perché nel nostro Paese non è radicata una cultura dello svago, del “loisir” come ad esempio in Francia». 

La produzione innovativa
e lo stretto rapporto con la clientela
Ma le cose sono cambiate: i parchi-gioco, le installazioni ludiche, i percorsi didattici, i gonfiabili e i «materiali morbidi» sono diventati un’attrazione sempre più rilevante per i bambini e quindi per le famiglie, non soltanto in inverno ma durante tutto l’anno, non soltanto in montagna ma anche al mare e nelle città. Le località provviste di questa offerta dispongono di una briscola in più da giocare con la clientela; le località sprovviste sembrano ormai un po’ più povere. Seguendo il filo rosso del divertimento sorretto da una qualità produttiva di eccellenza, negli anni GEA è cresciuta fino a diventare un’azienda leader nel settore. Negli anni è anche successo che Giovanna, durante una fiera, ha conosciuto Matteo Pulli e che dal loro riuscitissimo fidanzamento perenne sono nati Pietro e Giacomo, rispettivamente undici e dodici anni, sciatori provetti, appassionati e impegnati come il loro papà pur senza approdare (ancora) all’agonismo. Dal loro sodalizio è nata anche una spinta ulteriore alla creatività e all’innovazione dei loro prodotti, alla precisazione della filosofia progettuale. «Il fulcro concettuale della nostra attività è il bambino, il suo mondo, la sua fantasia, la sua naturale predisposizione al gioco e al divertimento – dice Matteo Pulli da una seggiovia di Schia Monte Caio, la stazione invernale del parmense dove sta sciando «in una stupenda giornata di neve e di sole» con i suoi bambini -  Abbiamo le capacità di modulare e adattare le nostre proposte a tutte le situazioni di spazio e terreno, in inverno e in estate. Abbiamo inventato molte cose, dal bob da erba a tante soluzioni diverse per percorsi ludici e formativi, da quelli più semplici a quelli più tecnologicamente avanzati.  Ispirati sempre dall’idea di entrare nell’universo del bambino e soddisfare il desiderio di gioia suo e, immediatamente connesso, dei suoi genitori e della sua famiglia». Per la neve GEA ha inventato Ski Bimbo Tech, un percorso di discesa monitorata e «computerizzata» per i bambini;  a Livigno ha attrezzato «The Beach» un’area destinata a freestylers e snowboarders dove compaiono grandi sagome di squali; a Carezza ha realizzato un parco per bambini chiamato «Naniland» dove rivivono i personaggi e le storie della saga di Re Laurino; ha realizzato un parco giochi a 2300 metri di quota all’esterno di una delle stazioni della funivia Skyway a Courmayeur. Sono soltanto alcune delle mille realizzazioni che vengono pensate, progettate e realizzate in stretto contatto con la committenza, ascoltando le sue esigenze e andando incontro alle sue aspettative. Il metodo è sempre rigorosamente lo stesso: si verifica la fattibilità delle idee dei clienti, l’adeguatezza di un prodotto al disegno iniziale, la tenuta dei materiali, la disponibilità e flessibilità dei fornitori, si analizza ogni programma di lavoro e relativi budget. GEA è in grado di affrontare la complessità di ogni singolo progetto per garantire la corrispondenza tra investimento e redditività. Necessità, luoghi e budget sono ogni volta diversi e lo sono di conseguenza gli allestimenti. Ogni progetto è unico, studiato appositamente per dare risposta ai bisogni del cliente. Non ci si limita al disegno complessivo: viene definito ogni elemento che lo compone, con possibilità di personalizzare sia le grafiche che  le forme, per creare una linea unitaria altamente caratterizzante e riconoscibile.

Un catalogo di proposte
per tante esperienze outdoor
GEA vanta oggi un catalogo vastissimo per outdoor e indoor, produzioni in materiali plastici ma anche in legno, per la montagna, per le città e per il mare. La sua attività è articolata in quattro «dipartimenti». Tralasciamo qui il segmento produttivo «Inside – Esperienze interni» dove pure si trova di tutto e di più per arredare e allestire piccoli spazi per l’infanzia in strutture ricettive, ambienti completi per asili, scuole e ludoteche, allestimenti di family center, aree gioco e intrattenimento di grandi metrature. Concentriamoci sulle produzioni destinate all’«outdoor», all’aria aperta, vale a dire su «Super Slope – Esperienze in pendenza», Active Park – Esperienze in piano», «Techline – Esperienze ad alta tecnologia»

SUPER SLOPE – Esperienze in pendenza: per GEA la discesa è miglioramento e adrenalina in sicurezza. L’animazione delle pendenze invoglia l’utente a ripetere il percorso e lo coinvolge in modo duraturo. Incuriosisce, crea novità, conferisce carattere e unicità al comprensorio. Con i suoi progetti, GEA è in grado di realizzare allestimenti temporanei o permanenti (su un prato o su una pista innevata) che consentano di provare emozioni di velocità, guida, gioco, in completa autonomia e favorendo il processo di crescita e di miglioramento nello sport. Si lavora in tutte le stagioni, su diverse pendenze, larghezze e lunghezze. Colline erbose o piste imbiancate. Il piacere è lo stesso. In inverno, vengono realizzati allestimenti con ostacoli adatti a principianti e sciatori più esperti. Elementi in grado di caratterizzare le piste creando maggiore interazione e aumentando il numero di passaggi. Di grandi dimensioni e personalizzabili, che si flettono, ruotano e possono essere abbinati a tunnel, curve paraboliche, spirali e salti. Oppure più piccoli, per percorsi didattici nei campi scuola e per imparare attraverso il gioco i movimenti di base dello sci. In estate, vengono ricreate le stesse emozioni, su piste in erba naturale, sintetica e sterrati, con mezzi di discesa ideali per l’intrattenimento delle famiglie. Giovani e adulti possono condividere esperienze di gioco e sport praticando lo snow tubing, utilizzando bob, special bikes e mini karts.

ACTIVE PARK – Esperienze in piano: per GEA l’«esperienza in piano» è socializzazione nel rispetto della natura. Si progettano e si realizzano parchi integrati nel contesto e rispettosi dell’ambiente, in tutte le stagioni e le condizioni climatiche. Ogni spazio aperto ha in sé le potenzialità per diventare un luogo unico, ideale per divertirsi, per giocare, per fare sport, per stare insieme.  L’attenzione al territorio è prioritaria.  Che si tratti di un luogo incontaminato o del centro cittadino, il contesto merita attenzione e rispetto e qualsiasi intervento è mirato a creare esperienze uniche in armonia con il paesaggio. GEA è in grado di proporre esperienze di divertimento sulla neve o su terreno erboso. Gli spazi vengono studiati in funzione della massima fruibilità e per un ruolo attivo di chi li vive; i bambini più piccoli scopriranno giocando nuovi stimoli, i ragazzi e gli adulti potranno fare esercizio fisico, allenarsi o confrontarsi con attività ricche di emozioni. In estate e in inverno vengono proposte soluzioni vincenti, per ogni tipo di utenza, per creare un’area ludica o uno spazio ricreativo interessante anche per ragazzi e adulti. Impianti gioco, percorsi avventura e per mountain bike, percorsi benessere, palestre «en plein air».  In inverno kinderheim sulla neve con prodotti resistenti alle intemperie.  Parchi natura in cui lo spazio è organizzato per offrire esperienze di crescita, in cui fare attività fisica e divertirsi imparando; il tutto con materiali di design, moderni e interattivi.Ogni prodotto è appositamente progettato per consentire un’usabilità in assoluta sicurezza, certificato secondo le vigenti normative e per garantire un risultato qualitativo ai massimi livelli sul mercato.

TECHLINE – Esperienze ad alta tecnologia: GEA crede nella tecnologia come valore aggiunto per l’integrazione di esperienze educative e per incentivare il movimento delle persone. TECHline è la competizione applicata a un punteggio, personale e di gruppo, che fa vincere premi, divertendosi. È un sistema che può essere proposto in qualsiasi contesto dove si vogliano incrementare i passaggi e incentivare l’utenza al raggiungimento di obiettivi specifici. Applicato a un percorso in piano o su pendenza, in natura o in città TECHline aggiunge nuove funzionalità alle attività proposte al pubblico. Il tracciato, la discesa, il circuito diventa attivo e interattivo.  TECHline permette di rilevare il passaggio dei giocatori attraverso punti prefissati: portali, ostacoli, attrezzature gioco. Il sistema attribuisce un punteggio e genera una classifica, calcolando le performance dei partecipanti.  Ogni circuito tracciabile può diventare lo scenario per competizioni di gruppo e giocatori «solisti» che si misurano con le proprie capacità e competenze.  Vince la capacità personale, che può evolvere in un gioco di squadra e unire le performance di singoli «partecipanti» che vivono un’esperienza comune. Quella di sentirsi come il protagonista di un videogioco, nel quale è necessario superare delle prove per accedere ai livelli successivi.
www.geaitalia.com