Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Gallery 3 Columns - MontagnaOnline.com

Tag: Fiere Convegni

Created: Martedì, 13 Marzo 2018 09:31
Hits: 239
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni

LEITNER ropeways

Il trio delle meraviglie sulla passerella del futuro

Nelle imminenti fiere di Prowinter e Mountain Planet, i tre marchi della holding industriale di Vipiteno guidata da Anton Seeber esporranno novità assolute della loro produzione in quel concentrato di tecnologie e design che ne fanno un avamposto di progresso e innovazione sul mercato della montagna bianca

Winter at its best! È con questo nuovo motto che si presenta il gruppo industriale di Vipiteno all'inizio di questa stagione fieristica, evidenziando ancora una volta la propria forza come unico attore al mondo con un’offerta completa nel settore delle tecnologie per gli sport invernali. Leitner ropeways (impianti di risalita), Prinoth (battipista) e Demaclenko (neve tecnica) avranno l'opportunità di presentare i propri prodotti in occasione della fiera Mountain Planet a Grenoble (Francia) e della Prowinter 2018 a Bolzano. Per i visitatori sono in serbo innovazioni che renderanno le funivie, i battipista e i sistemi di innevamento ancora più efficienti, sostenibili e accattivanti.

LEITNER ropeways
Hi-tech ed estetica a portata di mano
Il 2017 è stato per Leitner  ropeways un anno ricco di progetti straordinari. Grazie al continuo sforzo innovativo, questi hanno dimostrato più che mai la crescente versatilità delle funivie. Grazie alla formula del successo «tecnologia + design = Leitner  ropeways», si è assistito in tutto il mondo a esperienze moderne della mobilità. Leitner ropeways a tale scopo ha investito in modo significativo nello sviluppo dei prodotti. È così che oggi il sistema di controllo LeitControl rappresenta un punto di riferimento, fornendo ai clienti un autentico vantaggio tecnologico in termini di controllo touch e dei comandi. Alla fiera di Grenoble sarà possibile assistere a dimostrazioni del sistema LeitControl. Leitner ropeways ha alzato l'asticella anche nel campo dell’ottica e del design. La collaborazione con i designer italiani di Pininfarina ha dato luce a nuovi impulsi per perfezionare ulteriormente la sicurezza operativa e la funzionalità. La nuova cabina premium Symphony 10 è un esempio paradigmatico di questa straordinaria collaborazione. La cabina sarà presentata per la prima volta in una fiera alla Mountain Planet di quest’anno dopo aver già dato dimostrazione di sé nella GD10 Piz Seteur in Val Gardena. Nello stand con Leitner soluzioni hi-tech uniche e innovazioni tangibili!
www.leitner-ropeways.com

Created: Martedì, 13 Marzo 2018 09:31
Hits: 275
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni

KAESSBOHRER

Tante novità e sorprese nella famigli PistenBully

Sarà naturalmente il nuovo battipista «600» la star della Casa tedesca di Laupheim al Mountain Planet di Grenoble. Ma accanto all’ammiraglia della scuderia dei «gatti rossi», saranno protagonisti anche SNOWsat con le sue nuove funzioni e le iniziative di ProAcademy

Il marchio tedesco leader mondiale del mercato per i mezzi battipista e fuoristrada sarà naturalmente presente alla fiera Mountain Planet di Grenoble dal 18 al 20 aprile con il suo megastand numero 101 al corridoio 1. Saranno esposti il nuovo PistenBully 600, il PistenBully 400 ParkPro, così come il PistenBully 100 con piattaforma di realtà virtuale. Il nuovo PistenBully 600 che è stato presentato ufficialmente quest’inverno in numerose Nazioni europee (compresa l’Italia) sarà naturalmente la star dello stand. I visitatori internazionali potranno valutare da vicino le sue caratteristiche: meno peso, più potenza, emissioni radicalmente ridotte, potenza elevata, coppia elevata e notevole arrampicabilità. Anche il telaio, gli assali, l'elettronica e il concetto operativo, coperti da molti brevetti, sono nuovi. Il concetto generale è coerente, poiché si è lavorato a stretto contatto con i clienti già nella fase di sviluppo, per essere in grado di convincere con qualità, efficienza e preservazione delle risorse. Ma sappiamo che ormai dire Pisten Bully vuol dire anche SNOWsat, il sistema satellitare di gestione delle flotte battipista e di misurazione della profondità della neve che sta conquistando il mondo. Non c'è da stupirsi visto che SNOWsat offre maggiori volumi d’affari a costi inferiori ed è anche prezioso per l'ambiente. Dall'Europa agli Stati Uniti fino alla Nuova Zelanda, il sistema di gestione della flotta e delle piste di PistenBully ha un enorme successo. SNOWsat è diventato il leader mondiale nei sistemi di gestione della neve e della flotta. A Grenoble viene presentato con quattro nuove funzionalità:
SNOWsat «Z» come applicazione per browser web: la visualizzazione della profondità della neve è visibile su tutti i dispositivi mobili (smartphone e tablet), nonché su vari sistemi operativi aziendali (Android e iOS), che consentono di accedere ai dati di profondità neve da qualsiasi luogo.
SNOWsat «ToDo»: se il responsabile piste o responsabile sicurezza hanno dei compiti da assegnare, questi possono essere annotati direttamente, programmati e predisposti come lavoro da svolgere a seconda dell’operatore e del mezzo. Non appena il PistenBully viene riavviato, i compiti vengono trasferiti automaticamente al sistema veicolo SNOWsat V2 / V3.
visualizzazione della profondità della neve alla lama: con una precisione di +/- 6 cm, l’operatore vede la profondità della neve in 3 punti sulla lama. I movimenti e le informazioni più importanti sulla profondità della neve sono anche mostrati nella visualizzazione della lama.
SNOWsat Display: il grande monitor da 10" dei PistenBully 100 e 600 consente di vedere i dettagli, non è necessaria alcuna vista laterale e il lavoro diventa più ergonomico.
Altra novità della «famiglia Pisten Bully» i training online di PRO Academy, la «scuola guida» professionale di battipista condotta da Florian Profanter. Da aprile, infatti, PistenBully con PRO Academy offre un nuovissimo training online per principianti. Iniziare una carriera come operatore professionista di gatti delle nevi? Abbastanza semplice: basta registrarsi, completare la formazione e ricevere il certificato dopo il completamento con successo. Sei tu a decidere dove e quando acquisire le tue conoscenze su veicolo, conducente e piste.
www.pistenbully.it

Created: Martedì, 13 Marzo 2018 09:31
Hits: 248
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni

PRINOTH

La tecnologia applicata ai massimi livelli

Nelle imminenti fiere di Prowinter e Mountain Planet, i tre marchi della holding industriale di Vipiteno guidata da Anton Seeber esporranno novità assolute della loro produzione in quel concentrato di tecnologie e design che ne fanno un avamposto di progresso e innovazione sul mercato della montagna bianca

Winter at its best! È con questo nuovo motto che si presenta il gruppo industriale di Vipiteno all'inizio di questa stagione fieristica, evidenziando ancora una volta la propria forza come unico attore al mondo con un’offerta completa nel settore delle tecnologie per gli sport invernali. Leitner ropeways (impianti di risalita), Prinoth (battipista) e Demaclenko (neve tecnica) avranno l'opportunità di presentare i propri prodotti in occasione della fiera Mountain Planet a Grenoble (Francia) e della Prowinter 2018 a Bolzano. Per i visitatori sono in serbo innovazioni che renderanno le funivie, i battipista e i sistemi di innevamento ancora più efficienti, sostenibili e accattivanti.

Dallo stand Prinoth i visitatori si aspettano un autentico concentrato di tecnologie visionarie: gli eleganti battipista con design firmato Pininfarina, Husky, Bison e Leitwolf, il veicolo più potente e affidabile dell’intera gamma, sono una vera e propria attrazione, ma c’è altro. Sul versante software, Prinoth fissa nuovi standard: il software Snow How di Prinoth, insieme a una gestione intelligente della flotta e a un innovativo sistema di misurazione del manto nevoso, crea un vantaggio qualitativo che porta la gestione delle piste ai massimi livelli. Ciò permette di risparmiare fino al 11% dei costi e di aumentare l’efficienza fino al 15%. Grazie a Snow How, la cabina di guida dei battipista Prinoth diventa una centrale di comando esclusiva. Già nella fase di sviluppo l’attenzione è stata focalizzata sul collaudo da parte di conducenti nei comprensori sciistici di numerosi paesi, nonché sulla cooperazione con i migliori partner in termini tecnologici. Il risultato: l’innovativo Snow How di Prinoth è il software che entusiasma e che convince dove conta davvero: nei lavori quotidiani in pista, a prescindere dalle condizioni. Questa vicinanza a coloro che lavorano quotidianamente in pista garantisce il giusto focus. Prinoth si basa su programmi ben concepiti che tengono testa alle particolari condizioni di lavoro in montagna e ottimizzano la gestione della flotta nel suo complesso, facendo segno su tre aspetti: la minimizzazione dei costi, l’efficienza delle operazioni di lavoro e l'elevata qualità della gestione della neve. Allo stand Prinoth i visitatori avranno la possibilità di provare personalmente il software Snow How e gli specialisti Prinoth saranno sempre pronti a rispondere a domande e fornire informazioni.
www.prinoth.com

Created: Martedì, 13 Marzo 2018 09:31
Hits: 255
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni

TEAM SERVICE

Filmati d’autore per risalite d’autore

L’azienda di Castelletto Ticino (Novara) guidata da Franco Poletti e Michele Iorio, sempre più protagonista nel settore dei nastri trasportatori e dei tappeti da imbarco, parteciperà per la quarta volta consecutiva alla fiera Mountain Planet di Grenoble.  Nell’edizione del 2012 si era presentata proprio per annunciare al mondo della montagna bianca la nascita di una attività produttiva in proprio nel settore dopo lo sganciamento dalla collaborazione con Compac che Franco Poletti, fondatore di Team Service nel 1996, aveva portato avanti per diversi anni allo scopo di diversificare l’originaria attività di produzione di segnaletica e attrezzistica per le stazioni invernali. Nelle due edizioni successive (2014 e 2016) aveva potuto già esibire i prodotti di altissima qualità e dai contenuti fortemente innovativi sul piano costruttivo e tecnologico che stavano conquistando spazi sempre più importanti del mercato di settore con incrementi significativi dei fatturati commerciali. Quest’anno Team Service, oltre ad esporre nel suo grande stand un segmento di nastro con la sua «magica» colonna di comando computerizzata e un nuovo modello di cupola in policarbonato da 5 mm particolarmente veloce da montare e facile da smontare, quest’anno vuole mostrare ai visitatori il frutto, il risultato di questi sei anni intensi di lavoro e di sforzo innovativo con tre filmati d’autore realizzati da un professionista del calibro di Alessandro Vavassori di Angera (Varese), lo stesso che ha realizzato il famoso spot di Audi in discesa sulla 3-Tre di Campiglio insieme a Max Blardone. Ad un filmato «istituzionale» e ad un altro sull’attività produttiva e commerciale dell’azienda si aggiungerà quello forse più spettacolare e significativo che ha voluto documentare l’attività dei nastri e dei tappeti Team Service «in azione» e nel posto dove sono stati montati e svolgono la loro funzione. Michele Iorio ha fatto la guida e da Cicerone a Vavassori e al suo bravissimo operatore balzando da una località all’altra, e non solo in Italia, per riprendere bambini e adulti, piccoli e grandi, principianti e sciatori vari più o meno «cannibali» in risalita sui nastri trasportatori usciti dall’officina di Castelletto Ticino. Sono tre filmati che documentano il successo di una iniziativa che ha soltanto sei anni di vita ma che è cresciuta molto in fretta.
www.teamservicesrl.info

Created: Sabato, 03 Marzo 2018 10:29
Hits: 303
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni

Dal 24 al 27 gennaio si è svolta a Pechino la decima edizione della fiera specializzata per la tecnologia di montagna ed invernale. Insieme a ISPO Beijing, la principale fiera sportiva multi-segmento in Asia, la manifestazione fieristica ha offerto una panoramica generale del settore con utili informazioni, occasioni di incontro e trasmissione di know-how. Il China National Convention Center ha ospitato per l’occasione più di 30.000 visitatori. La tradizionale Asia Pacific Snow Conference e l’APSC Technical Workshop, proposto quest’anno per la prima volta, hanno avuto un grande riscontro con oltre 600 partecipanti

Durante la decima edizione di Alpitec China, su un'area espositiva cresciuta di oltre il 60% rispetto all'anno precedente, 79 espositori e marchi di 11 Paesi hanno presentato l'intera gamma dei loro prodotti per quattro giorni. Nel 2009, Fiera Bolzano ha fatto il primo passo verso la Cina con Alpitec: un Paese che il visionario Erwin Stricker aveva già riconosciuto come un mercato potenziale del futuro. Dieci anni dopo, Alpitec China è la piattaforma leader per le tecnologie montane e invernali in tutta l’area Asia-Pacifico. «Il nostro impegno a lungo termine in Cina sta dando i suoi frutti specialmente adesso, con due Olimpiadi nel continente asiatico – ha detto Armin Hilpold, Presidente di Fiera Bolzano  - Riteniamo che Alpitec China si stia affermando sempre più come punto d'incontro dell'industria per le tecnologie montane ed invernali nell’area Asia-Pacifico e vediamo anche l'enorme potenziale dell'industria cinese degli sport invernali. Un’area espositiva fortemente ampliata e gli espositori soddisfatti testimoniano che abbiamo intrapreso la strada giusta. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare Messe München per la preziosa collaborazione».
Insieme a ISPO Beijing, Alpitec China fornisce una panoramica a 360 gradi sull’intero settore. «Alpitec China ci permette di ampliare il portfolio di ISPO Beijing, inserendo temi infrastrutturali come impianti di risalita o snowpark – spiega Klaus Dittrich, Chairman & CEO Messe München – grazie alle Olimpiadi invernali 2022 a Pechino, l’entusiasmo per gli sport invernali in Cina sta crescendo. Ovviamente, la fiera specializzata per la tecnologia di montagna ed invernale beneficia di questo sviluppo positivo, e questo vale per l’intero settore degli sport invernali. Fiera Bolzano è un partner importante e affidabile, insieme possiamo rafforzare l’industria degli sport invernali in Cina. Vorrei ringraziare Fiera Bolzano per l’ottima collaborazione in questi dieci anni».

I numeri dello sci cinese
in costante crescita
Dopo le Olimpiadi invernali coreane di Pyeongchang andate in scena in febbraio, il mondo degli sport invernali si riunirà ancora sotto l’insegna dei cinque cerchi tra quattro anni, nel 2022, a Pechino. Nella corsa verso questi grandi eventi, gli sport invernali in Cina stanno attirando molta attenzione e sono fortemente promossi dallo Stato, anche se i previsti tassi di crescita a due cifre non potranno essere pienamente mantenuti. Questo è il dato che si evince dal nuovo «White Book 2017» di Benny Wu, CEO di Beijing Carving Ski Sports Development Corp., l'unica raccolta di dati che analizza e descrive l'industria dello sci in Cina. Solo tra il 2016 e il 2017 sono state create 57 nuove località sciistiche, con una crescita dell'8,82%. In totale, ci sono 703 stazioni sciistiche che hanno registrato 17,5 milioni di visite nel 2017 (+ 15,89%). Per confronto: nello stesso periodo, il numero in Svizzera è stato di circa 23 milioni. Dei 703 resort esistenti in Cina, 145 sono attualmente dotati di una o più seggiovie. Anche se ciò significa un aumento del 16%, il dato è ancora basso rispetto agli standard europei ma dimostra quali margini di crescita esistano per il futuro.

La qualità è al centro
dei progetti di sviluppo
È aumentata molto la consapevolezza di chi prende le decisioni e degli operatori delle stazioni sciistiche sul fatto che, quattro anni prima di Pechino 2022, c’è la necessità di puntare sulla qualità. Per questo gli operatori professionali cinesi hanno sfruttato l’occasione di Alpitec China, con il suo programma formativo di alta qualità. per informarsi e confrontarsi con i resort presenti. Il convegno annuale Asia Pacific Snow Conference ha registrato il tutto esaurito anche quest’anno e il primo APSC Technical  Workshop è stato accolto molto bene con 150 partecipanti. Il workshop ha offerto un’opportunità interessante per approfondire le conoscenze tecniche: esperti del settore hanno affrontato vari aspetti legati alle funivie ad ammorsamento automatico e ai sistemi automatici di innevamento artificiale

La potenzialità del mercato cinese
è un’occasione da non perdere
La Cina ha ancora un enorme potenziale di sviluppo: secondo «2017 International Report on Snow & Mountain Tourism» di Laurent Vanat, attualmente solo meno del 2% della popolazione mondiale è composta da sciatori, stimati in 130 milioni. La sola Cina potrebbe quasi raddoppiare quel numero, stimando i potenziali sciatori a circa 120 milioni. Questo apre prospettive interessanti che sempre più aziende vogliono sfruttare. Intercom si è presentata per la prima volta a Alpitec China: «La fiera è stata molto soddisfacente per noi - spiega l'Amministratore Delegato, Christof Leitner - Abbiamo creato molti nuovi contatti. È un nuovo mercato, ecco perché siamo qui, ed è per questo che c'è una fiera in Cina. Certo, ora è importante per noi elaborare i contatti in modo ordinato e farli fruttare». John Calverley, Area Sales Manager di Prinoth, ha sottolineato anche l'importanza della fiera come punto d'incontro per l'industria: «Alpitec China è una grande opportunità per incontrare nuovi clienti e lavorare su nuovi progetti. È interessante vedere che non si tratta solo di progetti per i prossimi due anni, ma che guarda anche al futuro per 5, 10 e persino 20 anni. Come parte del gruppo HTI, che opera anche nel settore degli impianti di risalita, dei battipista e degli impianti di innevamento artificiale, è particolarmente importante per noi creare questi contatti, che spesso non sono facili da trovare nemmeno girando per la Cina e visitando le stazioni sciistiche». Per garantire che Alpitec China possa continuare a soddisfare le crescenti richieste, la fiera nel 2019, insieme a ISPO Beijing, si trasferirà nel più grande China International Exhibition Center. Lì, l'industria degli sport invernali si riunirà dal 16 al 19 gennaio 2019.
Per maggiori informazioni: www.alpitec.cn
 
 
 

Created: Mercoledì, 28 Febbraio 2018 15:19
Hits: 498
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni
 
Si terrà presso l’Hotel du Lac a Riva del Garda (Trento), nei giorni 10 (parte privata) e 11 maggio (parte pubblica), l’annuale assemblea dell’Associazione Nazionale Esercenti Funiviari che quest’anno avrà un rilievo particolare in quanto segnerà la scadenza del mandato quadriennale delle cariche direttive nominate durante l’assemblea di Bolzano del 2014. Il presidente uscente Valeria Ghezzi sta lavorando con i membri del Consiglio e con i suoi collaboratori per  l’elaborazione dei contenuti tematici che saranno presentati nel secondo giorno dell’assemblea, durante la sessione pubblica. Nella prima giornata si provvederà all’approvazione del bilancio e al rinnovo di tutti gli organi dell’associazione (Presidente, Consiglio Generale, Probiviri, Revisori).
Per maggiori informazioni, iscrizioni e prenotazioni alberghiere è possibile contattare la segreteria all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Created: Mercoledì, 28 Febbraio 2018 15:19
Hits: 389
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni, Impianti Di Risalita
 
Il Consiglio Direttivo dell'ANITIF del 24/02/2018 ha convocato l'Assemblea della propria Associazione a RIVA DEL GARDA (TN), presso l'HOTEL GRAND RESORT DU LAC ET DU PARK in viale ROVERETO 44
(tel.: 0464-566600 fax.:0464-566566 www.dulacetduparc.com Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) per il giorno venerdì 25 maggio 2018 ad ore 8.00 in prima convocazione ed ore 15.00 in seconda convocazione col seguente o.d.g.:

PRIMA PARTE
ASSEMBLEA STRAORDINARIA, alla presenza del Notaio dr. Piero Avella 1. Modifica dello statuto associativo

SECONDA PARTE
ASSEMBLEA ORDINARIA 2. Relazione del Presidente 3. Approvazione del bilancio ANITIF al 31/12/2017 4. Definizione delle quote associative per il 2019 5. Elezioni dei Consiglieri e dei Probiviri 6. Varie ed eventuali L’appuntamento di quest’anno è di particolare importanza, in quanto costituisce l’occasione per modificare il ns. Statuto adeguandolo ai tempi ed alle esigenze emerse negli ultimi anni di gestione dell’Associazione. Nel corso dell’Assemblea sarà presentato anche il nuovo “registro di manutenzione e controllo” digitalizzato, realizzato per gli impianti a fune su iniziativa di ANITIF, in ottemperanza ai disposti del Decreto Esercizio.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Created: Venerdì, 19 Gennaio 2018 10:42
Hits: 523
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni
 

Si terrà dal 10 al 12 aprile Prowinter, la fiera di Bolzano dedicata agli operatori del settore neve

Per il mondo della montagna bianca e tutti i suoi protagonisti, la fiera in programma a Bolzano dal 10 al 12 aprile è ormai da anni la tradizionale occasione per tracciare un bilancio consuntivo sull’andamento dell’inverno appena trascorso e fare il punto su possibili strategie per il futuro, tra le quali lo sviluppo delle iniziative per la «montagna verde» dell’estate. Come sempre, particolare attenzione sarà rivolta all’attività del noleggio, tema ispiratore della fiera bolzanina fin dalle sue origini e fulcro di una profonda trasformazione in atto nei mercati dell’attrezzatura e del turismo. E, dopo aver lanciato con successo nel 2016 lo Startup Village riservato alla presentazione di giovani operatori con nuove idee, quest’anno la fiera di Bolzano rilancia Alpitec, il settore B2B per le tecnologie di montagna, dagli impianti a fune all’innevamento tecnico

Si terrà dal 10 al 12 aprile Prowinter, la fiera di Bolzano dedicata agli operatori del settore neve come noleggiatori e gestori di impianti. Un appuntamento sempre più importante per tracciare il bilancio consuntivo della stagione invernale, come quella che stiamo vivendo in pieno svolgimento, partita positivamente con le diffuse nevicate di novembre/dicembre e durante la quale, come ogni anno, il mondo della montagna bianca con tutte le sue componenti ( dai gestori degli impianti di risalita e delle skiarea, al mercato delle attrezzature tecniche,  agli albergatori) vuole dimostrarsi pronto per rispondere  alle esigenze degli sciatori in tutti i loro aspetti. Ma da parte di Prowinter prosegue la volontà di allargare il proprio raggio d’azione anche alle tematiche della montagna estiva. Prowinter è qualcosa di più di un semplice evento espositivo, perché gli organizzatori l’hanno configurata come piattaforma focalizzata nelle tematiche del noleggio per gli sport alpini e rivolta anche ai gestori di impianti che vogliono conoscere lo stato dell’arte delle infrastrutture per la montagna. 

Uno sguardo al presente e al futuro
Ma non solo, perché Prowinter viene sempre più considerata come luogo di incontro anche per associazioni e sci club, oltre ai negozi specializzati: un palcoscenico di attori che vogliono incontrare l’offerta del mercato a loro dedicata. E nel proprio spirito innovativo, Fiera Bolzano dal 2016 ha introdotto lo Startup Village, un’area riservata alla presentazione di giovani operatori pronti a lanciare nuove idee per il futuro delle discipline della montagna.
Infine Prowinter sarà anche l’occasione per tracciare un bilancio della stagione invernale sotto il profilo agonistico, accogliendo numerose premiazioni di atleti elite (la fiera si terrà due mesi dopo i Giochi Olimpici di PyeongChang in Corea, evento agonistico clou della stagione 2017/18) così come giovani promesse e, naturalmente, i nuovi maestri di sci.
«Siamo fortemente motivati nel voler creare un evento in grado di rispondere a specifiche esigenze del mercato del rental invernale e di tutto ciò che ruota intorno alla pratica degli sport invernali – ha commentato Geraldine Coccagna, Exhibition Manager di Prowinter – stando molto attenti ai segnali che il comparto presenta anche oltre la stagione della neve».
Infatti, da un paio di edizioni, Prowinter ha accolto anche operatori del settore ciclismo, poiché sta crescendo la sovrapposizione di noleggiatori di sci che nel periodo estivo si «convertono» al mondo delle due ruote: «Indubbiamente l’evoluzione delle e-bike ha dato un forte impulso al mercato del rental e noi siamo sicuramente degli interlocutori in grado di cogliere le opportunità che il settore montagna è in grado di sviluppare», conclude Geraldine Coccagna.

Continua Prowinter LAB
Diversificazione e innovazione sono i temi chiave per soddisfare le aspettative dei clienti: i cambiamenti climatici, per esempio, impongono alle destinazioni turistiche di adeguarsi e sviluppare nuove attività da offrire alla clientela tutto l’anno, anche in assenza di neve. Con questo scenario in continuo cambiamento, le decisioni devono essere prese in tempi rapidi e con la maggiore conoscenza possibile di informazioni, ed è per questo che Fiera Bolzano riconferma la propria volontà di far crescere Prowinter LAB, l’Osservatorio sul noleggio che vuole analizzare il pianeta del noleggio sportivo e consentire agli operatori di prendere decisioni in base a dati oggettivi di mercato.

Il ritorno di Alpitec
Infine, nell’edizione 2018 torna Alpitec nel programma di Prowinter, il settore B2B per le tecnologie di montagna: una parte espositiva verrà dedicata ai temi delle infrastrutture alpine come gli impianti a fune e quelli per l’innevamento, ma anche agli strumenti per la realizzazione e manutenzione di piste e snowpark, fino alla accessoristica di base.

Created: Venerdì, 19 Gennaio 2018 10:42
Hits: 438
Category: Portfolio
Tags: Fiere Convegni
 

Incontro e intervista con Geraldine Coccagna,
Exibition Manager della manifestazione fieristica di Bolzano

Al timone di Prowinter e di Alpitec nel ruolo di Exhibition Manager («Si deve dire così, in inglese») della fiera di aprile c’è una signora altoatesina dal nome stranamente francese («È stata mia madre a sceglierlo in omaggio all’attrice figlia Charlie Chaplin, dopo aver chiamato Natalie e Tobias mia sorella e mio fratello») e padrona di una vita quantomai intensa vissuta tra multiformi esperienze professionali e personali. Geraldine Coccagna, 48 anni, è nata a Bressanone dove ha condotto gli studi primari per poi conseguire la maturitá (IB) presso la scuola internazionale «Collegio del Mondo Unito» a Duino (TS) e poi laurearsi in relazioni pubbliche allo IULM di Milano.  Era il 1992 e da lì, con tanta voglia di fare e la conoscenza perfetta di italiano, tedesco e inglese, è partita per costruirsi una vita autonoma e una carriera. Lavora una stagione allo Stelvio quando direttore degli impianti era Aldo Del Bò. Contribuisce all’organizzazione dei Mondiali di Hockey su ghiaccio che nel 1994 si disputarono a Bolzano/Val di Fassa/Milano. Dal 1994 al 2000 le conseguenze dell’amore («Il mio compagno di vita era un medico veterinario» la portano in giro per i mari in barca a vela fino all’approdo sull’Isola di Guam (Oceano Pacifico occidentale!) dove l’apertura di un ospedale veterinario è anche il traguardo definitivo di una relazione ormai finita. Verso la fine del 2000 Geraldine torna in Alto Adige e trova lavoro in una agenzia di eventi.  Nel 2002 viene assunta in Fiera Bolzano in tempo per organizzare Interpoma (la fiera delle mele) e per vivere nel 2003 l’ultima edizione «autonoma» di Alpitec, la fiera italiana delle tecnologie alpine che era nata nel 1997  ma si era trovata quasi subito a confrontarsi con la  «concorrenza» dei colossi Interalpin austriaca e dell’attuale Mountain Planet francese. «Da parte dei grandi costruttori – ricorda Geraldine – era  emersa la difficoltà di  dover sostenere con lo stesso carico di impegno la partecipazione a troppe fiere. Per cui si era deciso in pratica di tagliarne due, Bolzano e Martigny». Da allora  Alpitec si è accompagnata in versione ridotta a Prowinter, già nata intanto dall’intraprendenza di Erwin Stricker, pioniere in Italia della diffusione del noleggio di qualità. Ma quel  2003 è da ricordare anche perché tra i cannoni dell’allora York Neve esposte per Alpitec, Cupido scocca una freccia che centra al cuore  Franco Balada, attuale direttore della filiale italiana dell’azienda svizzera Bartholet Maschinenbau di Flums.  Colpo di fulmine,  trasferimento in Lombardia, la terra di lui, tra Sarnico e Lovere, un periodo di collaborazione con l’alpinista Agostino Da Polenza e il suo comitato che cura la gestione della piramide di ricerca del CNR in Himalaya. La prima figlia, Emma, nasce nel 2006; la seconda, Ginevra, nel 2010 quando già la nuova famiglia era tornata in Alto Adige nel 2008. Per una donna dal carattere positivo e forte, il ruolo di madre non impedisce certo di proseguire nel lavoro. Nel 2009 parte l’avventura di Alpitec Cina a Pechino, un’iniziativa di successo, «che sta andando a gonfie vele, suscitando un interesse sempre maggiore da parte delle aziende in un clima di grande sviluppo del settore in quel Paese anche in vista delle Olimpiadi invernali del 2022». Ed ora eccoci qua, verso la metà di dicembre 2017, per parlare del prossimo appuntamento di aprile, non in Cina ma in Italia, presso Fiera Bolzano.

Come sta andando Prowinter?
L’edizione 2018 promette bene anche se bisogna dire che ogni anno l’esito di partecipazione degli espositori dipende molto dall’andamento della stagione. Da come è cominciata la stagione invernale non possiamo che essere ottimisti. Da parte sua Prowinter ha la consapevolezza di essere una fiera B2B che si offre come piattaforma utile per relazioni e contratti tra operatori del settore, l’unica in Europa ad avere come principale focus il noleggio. Infatti il grosso della partecipazione è dato  dai negozianti e dai noleggiatori. Ad oggi, metà dicembre,  è ancora difficile dire a quale quota si stabilirà la vendita degli spazi espositivi ma ritengo che si possa parlare di una fondamentale stabilità rispetto all’anno scorso. Bisognerà vedere anche quali saranno gli umori del mercato all’ISPO di Monaco che si terrà negli ultimi giorni di gennaio. I dubbi maggiori riguardano il settore dell’accessoristica

Sul tema del noleggio che cosa si propone Prowinter Lab?
L’iniziativa è in mano ad Alfredo Tradati che l’ha proposta e avviata l’anno scorso.  Quest’anno sarà in grado di fornire un dettagliato «censimento» della realtà del noleggio in Italia, un database aggiornato e circostanziato di una realtà che sta crescendo in maniera esponenziale nel nostro Paese, un fenomeno che sta modificando profondamente il trade tra aziende e utenti. Una apposita tavola rotonda tra addetti ai lavori metterà a fuoco la situazione  con le relative problematiche che si legano sempre allo sviluppo di un settore.  Si comincia a sentire, ad esempio, la necessità di una normativa di settore che omologhi i livelli di valore verso l’alto per quanto riguarda la qualità delle attrezzature fornite, le competenze, l’affidabilità e la sicurezza. Ma chi può svolgere questo compito? Certamente non noi come fiera. Noi mettiamo a disposizione la piattaforma  ma dovrebbe esistere un ente, una associazione che raccolga tutti i noleggiatori e sia capace di stendere un codice condiviso di standard operativi e qualità di offerta. Esistono già dei piccoli nuclei  associativi come quello che fa capo alla moglie di Erwin Stricker, la catena Rent a Sport, ma servirebbe un organismo di rappresentanza più ampio e inclusivo. È stato chiesto a noi di svolgere questa funzione ma non è il nostro compito.  Spero che Prowinter Lab possa servire per far compiere questo ulteriore salto di qualità al noleggio.

E Alpitec?
Dopo le scelte compiute dalle grandi aziende del settore delle tecnologie alpine di cui abbiamo già parlato, Alpitec in Italia non può essere ovviamente quello che è in Cina, dove tutto è immagine e tutto è gigantesco. Non può essere più nè Interalpin né Mountain Planet. Ma può e vuole continuare ad essere un punto di incontro e di relazioni fondamentale soprattutto per le aziende italiane del settore dalle quali, non a caso, ci sono giunte molte sollecitazioni a non interrompere assolutamente la storia di Alpitec.  Molte aziende, anche alcune tra quelle più grosse e importanti dell’impiantistica funiviaria, hanno già confermato lo stand. La maggioranza è però composta da  aziende medio-piccole che vogliono curare i rapporti con i loro clienti italiani. Per farlo non servono megastand da centinaia di metri quadrati anche perché alle fiere non si va più per vedere le novità ma per incontrare persone; per farlo bastano piccoli stand, basta un tavolo attorno al quale confrontare le esigenze della domanda e dell’offerta. Quello che serve soprattutto è un punto di incontro, quello che Alpitec vuole continuare ad essere.