Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Gallery 3 Columns - MontagnaOnline.com

Tag: Innevamento Programmato

Created: Lunedì, 28 Maggio 2018 09:10
Hits: 137
Category: Portfolio
Tags: Motori Sulla Neve, Innevamento Programmato
 

Le due aziende del gruppo Leitner hanno integrato in un nuovo prodotto il software Snowvisual utilizzato per la gestione dell’innevamento tecnico e il software Snow How che coordina l’attività delle flotte di battipista e misura lo spessore della neve. Il risultato è un nuovo «genio» capace di connettere i due sistemi e fornire al cliente i dati per la gestione ottimale dell’area sciabile

Dalla collaborazione tra gli esperti dell’innevamento tecnico e gli specialisti dei mezzi battipista nasce una tecnologia all’avanguardia e su misura per le aree sciistiche moderne ed efficienti di domani. Nel 2018 l’integrazione del software per la gestione dell’innevamento Snowvisual di Demaclenko con il software Snow How per la gestione della flotta e la misurazione della neve di Prinoth offre ai clienti un ulteriore vantaggio tecnologico che consente processi operativi efficienti sulle piste, massime prestazioni dei prodotti e utilizzo ottimale delle risorse disponibili, vale a dire i fattori-chiave per la vitalità economica di un comprensorio sciistico. Un software che renda disponibili, raggruppandoli, i dati e le analisi al responsabile degli impianti dell'area sciistica, costituisce un chiaro vantaggio competitivo. L'ultimo progetto comune lanciato da Demaclenko e Prinoth ha proprio questo obiettivo: integrando le soluzioni software di entrambe le aziende (Snowvisual di Demaclenko e Snow How di Prinoth) nasce un pool di informazioni unico nel suo genere per la gestione completa dell'intero impianto. I vantaggi sono evidenti: che si tratti del controllo del sistema di innevamento, della gestione della flotta dei mezzi battipista o del sistema di misurazione del livello di innevamento in 3D, tutto è consultabile in modo centralizzato tramite un'interfaccia utente integrata. Questo incide anche sulla riduzione dei costi operativi, poiché processi e risorse possono essere meglio programmati e monitorati.  La particolarità vincente: nelle piattaforme aperte è possibile inserire anche generatori di neve e mezzi battipista di terzi, integrando, ad esempio, anche gatti delle nevi. Il software è configurato in modo personalizzato in base alle esigenze del cliente, diventando così uno strumento importante per garantire un funzionamento ottimizzato. Grazie alla collaborazione tra questi due solidi marchi, la gestione dell'innevamento, delle piste e della flotta entra in una nuova dimensione. I clienti possono beneficiare delle competenze di entrambe le aziende, che in questo modo creano le condizioni per le aree sciistiche del futuro, efficienti anche in termini di digitalizzazione.

Created: Venerdì, 18 Maggio 2018 06:13
Hits: 147
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato, Personaggi
 

Incontro con Jan Terzariol responsabile commerciale per l’Italia, la Norvegia e la Svezia dell’azienda del gruppo Leitner che in pochi anni ha moltiplicato presenza e fatturati sui mercati nazionale e internazionale dell’innevamento tecnico

L’immagine vincente di Demaclenko ha soprattutto il riscontro della crescita esponenziale di vendite e fatturati fatta registrare negli ultimi anni nel mercato dei sistemi di innevamento programmato ma si può riflettere anche nel volto giovane del suo responsabile commerciale per l’Italia e («Da questo inverno 2017/18») per la Norvegia e la Svezia. Lo intervistiamo accanto ad un generatore Ventus 4.0.

Come definiresti Demaclenko?
Con quei numeri che descrivono meglio di ogni altra cosa la fortissima crescita del marchio dopo la fusione del 2012. Nell’inverno 2012/13 Demaclenko fatturava circa 13 milioni di Euro; quest’anno ha fatturato 50 milioni. Nella stagione 2017/18 sono stati venduti oltre 2000 generatori neve; quest’inverno abbiamo venduto il millesimo generatore a ventola, un Titan 2.0, allo Ski Carosello Corvara in Val Badia. Sono numeri e cifre che testimoniano la qualità dei nostri prodotti e la loro capacità di penetrazione sui mercati in virtù della loro efficienza e della loro funzionalità.
Quanto incide il mercato italiano?
Posso dire soltanto che l’Italia rappresenta per noi il secondo mercato dopo l’Austria. Mi sono trovato di fronte ad una situazione storica in cui i prodotti Demac sono fortemente localizzati sul mercato altoatesino e quelli Lenko sparsi su tutto il territorio nazionale. Esistono ampi margini di sviluppo perché i nuovi prodotti Demaclenko successivi alla fusione si affermino in maniera omogenea in tutta Italia.
Dove sta andando il mercato?
Il mercato si sta orientando in prevalenza verso generatori a ventola di media e grande taglia come i nostri Ventus e Titan
E che cosa chiedono i clienti?
Soluzioni complete e pronte all’uso, si può dire «chiavi in mano». Noi siamo in
grado di fornire il «pacchetto completo» di un impianto di innevamento tecnico: il bacino idrico, le stazioni di pompaggio e di raffreddamento, i materiali di linea, i pozzetti, i generatori e il software di gestione.
Ma ormai pare che serva anche qualcos’altro…
Certo, l’aspetto estetico dei generatori, visto che la loro presenza è a diretto contatto con il pubblico degli sciatori e influenza la loro valutazione del livello qualitativo della località in cui stanno praticando la loro passione. Il nostro generatore Ventus non è soltanto un concentrato della più avanzata tecnologia per la produzione di neve tecnica ma è anche quella macchina realizzata in collaborazione con lo studio di design Pininfarina che ispira una sensazione di eleganza e fluidità, le stesse doti di una bella sequenza di curve condotte. Con Ventus Demaclenko offre non soltanto funzionalità, affidabilità, efficienza ma anche un elevato gusto estetico.
Da quest’anno stai conoscendo anche la Svezia e la Norvegia?
Sì, da quest’anno mi occupo anche dei rapporti commerciali con quelle due nazioni dove però Demaclenko è presente e attiva già da tempo. Quest’inverno abbiamo realizzato importanti interventi a Voss, in Norvegia, e a Stöten, in Svezia, una località sciistica situata a 38 km a nord-ovest di Sälen, attrezzata con 18 impianti di risalita e 29 piste. In questa stazione sciistica abbiamo rifatto la stazione di pompaggio e installato un impianto misto con una settantina di generatori tra lance Eos e generatori a ventola.
www.demaclenko.com

Created: Giovedì, 17 Maggio 2018 16:26
Hits: 138
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato
 
A Grenoble, l’azienda di Bolzano leader mondiale nel settore dell’innevamento tecnico ha presentato il suo sistema di generazione-neve capace di operare con efficacia anche in situazioni con temperature sopra lo zeroTechnoAlpin propone impianti e soluzioni su misura che soddisfano le esigenze specifiche dei gestori di comprensori sciistici in Europa, Nord America, Asia e Oceania. A oggi sono circa 100.000 gli innevatori TechnoAlpin, tra generatori a ventola e lance, installati in circa 2.200 siti clienti in 50 paesi diversi. In occasione del salone internazionale Mountain Planet 2018 il gruppo ripropone la sua ultima innovazione di successo: il generatore Snowfactory.

TechnoAlpin propone impianti e soluzioni su misura che soddisfano le esigenze specifiche dei gestori di comprensori sciistici in Europa, Nord America, Asia e Oceania. A oggi sono circa 100.000 gli innevatori TechnoAlpin, tra generatori a ventola e lance, installati in circa 2.200 siti clienti in 50 paesi diversi. In occasione del salone internazionale Mountain Planet 2018 il gruppo ripropone la sua ultima innovazione di successo: il generatore Snowfactory.

La possibilità di produrre neve in condizioni climatiche critiche
Alcuni comprensori sciistici all’inizio della stagione sono esposti a condizioni meteorologiche sempre più difficili: all’apertura delle piste, l'assenza di neve naturale o le temperature sfavorevoli non consentono la generazione la neve artificiale; TechnoAlpin propone pertanto una tecnologia inedita e rivoluzionaria che assicura l’innevamento anche con temperature sopra lo zero: lo Snowfactory. Grazie a una tecnica di raffreddamento performante, la temperatura dell'acqua viene abbassata al di sotto del punto di congelamento: l’acqua gela unicamente grazie a tale tecnica di refrigerazione, senza l’aiuto di additivi chimici. I refrigeranti impiegati rimangono confinati all’interno di un circuito chiuso, senza contaminare la pista. Snowfactory produce neve a tutte le temperature sotto forma di piccole lamelle di neve secca, congelate al 100%. Snowfactory è quindi l’unico impianto in grado di fornire un prodotto finale privo di umidità residua. La temperatura all’interno delle lamelle di neve è di -5°C. Grazie a questo accumulo supplementare di energia frigorifera il processo di scioglimento risulta notevolmente rallentato, offrendo un’eccellente qualità e una grande durata della neve generata. Per ottenere tale risultato, il progetto Snowfactory fa affidamento esclusivamente a componenti di alta qualità.

Un impianto «integrativo», dall’installazione semplice e immediata
Snowfactory non è concepito per sostituire gli impianti di innevamento classici; è piuttosto pensato come integrazione per i generatori di neve tradizionali. Si presta in particolare all’innevamento di aree di dimensioni contenute nei comprensori sciistici, o per l’innevamento dei tratti di pista situati nelle zone più basse, per eventi di varia natura, quali ad esempio manifestazioni di snowboard, o gare di sci in città; Anche le località più a nord si trovano spesso in zone troppo miti per l’innevamento. In questo caso Snowfactory può garantire una programmazione più sicura della stagione sciistica. Per l’installazione non sono richiesti dispendiosi lavori di costruzione. L’impianto viene fornito pronto all’uso a prescindere dall’ambiente, in un container da 40 piedi. Dopo l’allacciamento a corrente e acqua, è possibile produrre neve 24 ore su 24, indipendentemente dalle condizioni esterne o dalla temperatura dell’acqua in loco. Snowfactory risponde pertanto perfettamente alle esigenze di un utilizzo temporaneo. Grazie alla produzione in serie e alla comprovata tecnologia di questo generatore, è possibile realizzare vari modelli di diverse capacità e adattarli alle peculiarità di un sito o di un progetto. Innumerevoli sono anche le possibilità di distribuzione della neve. Si va dai nastri trasportatori al convogliatore alla distribuzione pneumatica, a seconda delle esigenze. Grazie al sistema di trasporto pneumatico, la neve può essere distribuita per un tratto di 200 m in presenza di un dislivello in altezza di 50 m.

Una opportunità che sta conquistando il mondo
Dalla sua implementazione, nulla smentisce il successo della tecnologia Snowfactory. Solo nel 2017, sono stati realizzayi 16 progetti Snowfactory in siti di tutto il mondo: a partire dall’Austria passando per la Polonia, la Repubblica Ceca, la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, l’Italia, la Svezia e fino alla Norvegia o ancora la Croazia, le unità fisse o mobili Snowfactory vanno sia a rinforzare l’innevamento convenzionale che a produrre integralmente la neve necessaria per manifestazioni sportive o eventi. Ad oggi, Snowfactory viene utilizzato in 16 diversi Paesi. A prescindere dall’ambiente in cui il generatore Snowfactory viene usato, apporta un reale vantaggio concorrenziale alle stazioni sciistiche per la gestione delle piste. Alcune federazioni nazionali di sci fanno affidamento alla tecnologia Snowfactory: è il caso in particolare della DSV, la Federazione tedesca di sci o ancora la CRO Ski, la Federazione croata di sci. Queste due entità utilizzano Snowfactory per assicurare l’innevamento del trampolino, della pista da sci nordico per la Germania o per produrre neve per le piste da slalom in Croazia, come quella della prova di Sljeme. Ogni volta, i generatori Snowfactory permettono agli organizzatori delle gare di avvicinarsi alle competizioni in modo sempre più sereno.

L’esordio di successo nella francese Châtel
Prima stazione francese a impiegare questa tecnologia, Châtel, stazione sciistica dell’Alta Savoia, ha inaugurato il suo Snowfactory, il 18 ottobre 2017, con una particolarità: è stato ribattezzato «Snow Farmer»! Come altre stazioni delle Alpi, Châtel aveva incontrato negli ultimi inverni problematiche di gestione, in particolare all’inizio della stagione, a causa di temperature sfavorevoli al funzionamento dei classici innevatori o per mancanza di neve su alcuni settori del comprensorio sciistico, ad esempio all’inizio delle risalite, sugli ultimi metri di pista, in alcune giunzioni di piste, o ancora sul fronte della neve. Per provi rimedio la stazione di Châtel si è dotata dello Snowfactory. L’obiettivo, tra gli altri, prevedeva un uso per creare corsie di neve e quindi ripartire tale materia prima indispensabile sui settori del comprensorio sciistico che la richiedevano. Questa tecnologia ha dimostrato tutto il suo valore all’inizio della stagione 2017/2018 quando ha assicurato ai gestori di Châtel la stagione sciistica che desideravano proporre ai propri clienti. Inoltre, le informazioni sugli inizi di stazione passati indicano che un tale impianto ha senso e incide sia sull’economia che sull’impiego locale, come spiega Nicolas Rubin, sindaco di Châtel: «È un impianto complementare ai nostri 320 innevatori, che coprono il 60% del comprensorio sciistico della stazione. Oggi, con inverni meno innevati, abbiamo bisogno di questo tipo di innovazione per dare certezze ai nostri clienti e garantire l’attività invernale. È nostro dovere e responsabilità garantire ai nostri clienti questa attenzione nei loro confronti e verso il futuro. In montagna e sui comprensori sciistici i posti di lavoro sono garantiti e mantenuti grazie alla neve e in particolare alla neve artificiale. Non ci sarebbe economia senza lo sci. E senza neve non è possibile sciare»

L’esperienza «down under» nella stazione sciistica sul Monte Buller
Molto più a sud, la stazione australiana del Monte Buller si è dotata di un generatore Snowfactory, il modello SF220. Si tratta di un’unità a postazione fissa, la cui capacità di produzione è doppia rispetto a quella della versione mobile SF100. Con questo investimento, il gestore del Monte Buller persegue obiettivi simili a quelli di Châtel, in particolare nell’assicurare l’offerta sciistica all’inizio di stagione, ma con un limite supplementare per la stazione australiana: essere aperta fino a giugno per il tradizionale week-end lungo del Queen’s Birthday, un evento popolare in Australia! Laurie Blampied, direttrice generale del Monte Buller conferma inoltre che «In passato il week-end di apertura è sempre stato il momento per celebrare l’avvio della stagione invernale, sfortunatamente, la mancanza di neve non ha sempre permesso di garantire il piacere dello sci ai nostri clienti. Vogliamo premunirci contro tale rischio e quindi offrire ai nostri clienti l’opportunità certa di godere delle nostre piste». Dopo una prima stagione di gestione, i risultati sono estremamente positivi per il Monte Buller: lo Snowfactory SF220 ha contribuito a un eccellente inizio di stagione per la stazione. M. Blampied riferisce: “Non solo abbiamo potuto raggiungere il nostro obiettivo di apertura per il week-end lungo del Queen’s Birthday, ma è stato possibile anche aprire con una settimana di anticipo. La frequentazione della stazione nel mese di giugno 2017 è superiore al 48% con 38.000 visitatoti in più della media degli ultimi 5 mesi di giugno. “ Si noti che proprio come Châtel, lo Snowfactory del Monte Buller non va a sostituire i 126 innevatori classici presenti sulle piste del complesso sciistico. Si tratta di un impianto complementare che integra i generatori esistenti nei periodi chiave della stagione, ma anche in settori particolari.
 

Created: Lunedì, 14 Maggio 2018 09:19
Hits: 128
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato, Fiere Chiusura Stagione 2018
 

Vasche di cemento armato per l'innevamento garantito

L’azienda di Campo di Trens (Bolzano) propone alle società di gestione dei comprensori sciistici soluzioni collaudate per la raccolta delle risorse idriche, ottimizzazione dei tempi di cantiere e nuove tecnologie che facilitano l’installazione e consentono una notevole riduzione del ferro d’armatura

Wolf System Srl, con sede a Campo di Trens (BZ), è da oltre 50 anni produttrice di vasche circolari in cemento armato gettato in opera. Con il rinomato marchio Snow Tank queste vasche, oltre che per uso agricolo, industriale e biogas, sono utilizzate anche per la raccolta idrica necessaria per garantire l’innevamento artificiale degli impianti sciistici alpini.  Numerose sono le referenze che Wolf System può portare ad esempio della sua produttività, ma l’ultimo progetto concluso è stato quello delle Funivie Folgarida Marilleva Spa (zona Monte Vigo – Pinzolo), terminato nell’estate 2017. Si è trattato di una vasca dal diametro di ben 46 metri e un’altezza di 6 metri.
Nel mercato di riferimento delle vasche interrate per innevamento artificiale le principali novità che Wolf System propone si concretizzano nei seguenti punti:

1) ottimizzazione dei tempi di cantiere, ulteriormente ridotti da 10 settimane a 8 settimane per serbatoi fino a 12.500mc. Elemento da non sottovalutare in un contesto in cui la stagionalità la fa da padrone in ogni ambito;

2) utilizzo di una nuova tecnologia di casseratura del  solaio grazie alla quale è possibile disarmare il 50 per cento della casseratura il giorno immediatamente successivo al getto;

3) utilizzo di una nuova tecnologia in fase di gettata, denominata«post-tensione»: posa dei trefoli in acciaio fortemente tensionati con martinetti prima del getto (con notevole riduzione del ferro d'armatura e ridotti tempi di realizzazione) e rilascio degli stessi a 4 settimane dalla gettata, mettendo in post-tensione il solaio stesso. Nonostante le novità appena citate Wolf System non ha partecipato a fiere di settore, se non Agrialp di Bolzano dello scorso novembre, inerente il settore agricolo di montagna.

In qualità di socio di ANEF-Confindustria Wolf System ha però partecipato attivamente a varie iniziative messe in atto da questa associazione di settore: assemblea annuale, tavoli di confronto tematici ecc., riuscendo in tal modo ad intercettare le esigenze dei possibili committenti e i bisogni degli esercenti funivie italiane e rimanendo sempre in stretto contatto con le realtà locali.
Nonostante le costanti difficoltà di mercato Wolf System prospetta un futuro roseo in quanto si evidenzia una progettazione in crescita per bacini di stoccaggio acque ed impianti di innevamento e investimenti mirati a garantire la produzione di neve artificiale, condizione irrinunciabile per sostenere i bilanci delle società funiviarie, a fronte di situazioni meteo molto variabili ed incerte. Per maggiori informazioni sulla gamma di soluzioni edili offerte da Wolf System visitate il sito www.wolfsystem.it  (a breve sarà online la nuova versione, ricca di referenze, immagini spettacolari  di progetti realizzati e soprattutto informazioni tecniche).
www.wolfsystem.it

Created: Lunedì, 14 Maggio 2018 09:19
Hits: 131
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato, Fiere Chiusura Stagione 2018
 

Soluzioni su misura per l’innevamento programmato

Il grande gruppo modenese fondato nel 1945 è leader internazionale nella produzione di pompe centrifughe e nella creazione di soluzioni avanzate per la gestione del ciclo integrale dell'acqua. Tra le diverse applicazioni della sua attività produttive è compresa la specializzazione nel campo della produzione di neve tecnica dove la captazione e la gestione dell’acqua sono notoriamente di importanza fondamentale. Per questo settore Caprari ha progettato e realizzato pompe innovative di sicura affidabilità ed efficacia

Per le località sciistiche che basano la propria accoglienza turistica sugli sport invernali, ma anche per tutte le aziende che investono nel know-how dell’innevamento programmato, Caprari si presenta da tempo come punto di riferimento certo, in quanto fornitore qualificato per quello che è uno degli elementi fondamentali degli impianti d’innevamento: la pompa.  Il gruppo Caprari è tra le principali realtà internazionali nella produzione di pompe centrifughe e nella creazione di soluzioni avanzate per la gestione del ciclo integrale dell'acqua. Fondata nel 1945 da Amadio Caprari, l'azienda ha continuamente ampliato e diversificato la propria attività, per rispondere con prodotti e servizi innovativi alle specifiche e mutevoli esigenze del mondo dell’acqua, nell'ottica di una partnership con la clientela sempre più stretta e specializzata. Grazie al know-how esclusivo e diversificato, oggi vengono fornite le migliori e più efficienti soluzioni per le principali esigenze idriche: dalle captazioni nei pozzi profondi al sollevamento delle acque reflue e di drenaggio, dall'alimentazione e distribuzione idrica nei settori civile, industriale e agricolo, alle più svariate applicazioni nel trattamento delle acque. Da oltre settant’anni di esperienza nella progettazione, nello sviluppo e nella realizzazione di pompe utilizzate nell’approvvigionamento idrico per uso acquedottistico, industriale ed irriguo deriva la grande competenza che ha permesso a Caprari di specializzarsi nel settore innevamento, garantendo prodotti innovativi, efficaci e competitivi. Fornendo servizi globali di assistenza e manutenzione, grazie ad una capillare rete di Centri Assistenza, Caprari garantisce in ogni occasione interventi pronti e qualificati e l’immediata disponibilità di eventuali ricambi necessari. La gamma estremamente articolata di pompe centrifughe proposta da Caprari è ideale per risolvere ogni problema di pompaggio dell’acqua: un’ampia serie di pompe ad asse orizzontale multistadio, monoblocco, elettropompe sommerse e sommergibili affidabili e con prestazioni al vertice del settore.

• pompe di superficie ad asse orizzontale per alta pressione, a doppia supportazione fino a 100 BAR con elementi rotanti equilibrati per aumentarne l’affidabilità e durata. Forniture su impianti con pressioni fino a 1.000 m.
• elettropompe monoblocco serie HV – HVU compatte, robuste e versatili progettate con le tecnologie più innovativa per garantire un funzionamento silenzioso, privo di vibrazioni.
• elettropompe sommerse da 4” a 22” di primo sollevamento e/o di rilancio in booster con motore elettrico funzionante totalmente immerso in acqua, in grado di garantire la soluzione ideale ai problemi di inquinamento acustico
• elettropompe sommergibili serie K e serie DR ottimali per alimentazione dei sistemi di rilancio. Costruzione compatta, in fusioni di ghisa e / o leghe di alluminio.
Grazie alla competenza e alla conoscenza delle esigenze degli operatori del settore, Caprari ha ottenuto ottimi riscontri dalla clientela continuando la propria espansione e presenza nel settore neve.
www.caprari.com


Created: Lunedì, 14 Maggio 2018 09:19
Hits: 131
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato, Fiere Chiusura Stagione 2018

A Grenoble il gran finale della stagione dei record

Durante le giornate della fiera francese, l’azienda di Bolzano leader nel settore dell’innevamento programmato ha tirato le somme dell’inverno che ha chiuso i conti del 2017 facendo registrare numeri in costante crescita nelle vendite di generatori e confermando, con il ruolo di protagonista nei grandi eventi dell’agonismo, il credito conquistato a livello internazionale

Un'accurata pianificazione consente di aprire i comprensori sciistici in tutta sicurezza, oltre a risparmiare risorse grazie ad un utilizzo più efficiente dell'impianto di innevamento. Solo le stazioni sciistiche con impianti di innevamento ben programmati ed efficienti hanno difatti potuto offrire ai propri clienti piste da sci impeccabili.  Già alla fine del 2017, Technoalpin ha stabilito un record di produzione: nella sede centrale di Bolzano l’azienda è arrivata a produrre la macchina a ventola n. 3.000. A fine dicembre questa particolare macchina, un TR8 con una copertura color oro, è stata consegnata agli impianti sciistici di Colfosco. In totale, nel 2017 Technoalpin ha prodotto 7.000 generatori di neve: il numero più alto di sempre.  Nella stagione invernale 2017/2018 sono stati disputati diversi eventi sportivi su neve Technoalpin, tra cui la Coppa del Mondo di Sci a Dresda (Germania) e la Coppa del Mondo di Slopestyle sull'Alpe di Siusi, entrambe organizzate dalla FIS (Federazione Internazionale Sci). L’evento più importante sono state le Olimpiadi invernali del 2018 a Pyeongchang, in Corea del Sud, anch’esse un grande successo per l’azienda: l'80% delle gare si è infatti disputato su neve Technoalpin.  Poiché in Corea del Sud non sono stati organizzati molti eventi sportivi invernali di grandi dimensioni, la Provincia di Gangwon era alla ricerca di un partner con consolidata esperienza e conoscenza delle caratteristiche del territorio. «Dal 1992 questa è già la sesta Olimpiade invernale a svolgersi prevalentemente su neve Technoalpin - afferma Michael Mayr, Area Manager settore Asia - Si tratta di progetti che permettono di rinnovare la promessa dell'azienda di fornire condizioni di neve ottimali. La rinnovata fiducia in Technoalpin in occasione dei Giochi Olimpici Invernali è sinonimo di sicurezza per gli organizzatori di tutto il mondo e crea, soprattutto nei mercati al di fuori della regione alpina, nuove opportunità di cooperazione e nuovi progetti».
Anche durante la fiera MountainPlanet, il team di Technoalpin era presente per confrontarsi con i propri clienti e presentare le novità e i prodotti di punta. La fiera di Grenoble è stata un grande successo con molti visitatori provenienti da 50 Paesi. Technoalpin si è detta soddisfatta dell’affluenza al suo stand durante l’evento. Il team di vendita di Technoalpin ha avuto l'opportunità di incontrare e confrontarsi con molti clienti consolidati e potenziali, provenienti sia da mercati europei che internazionali ed emergenti, nel settore sciistico. I numerosi visitatori hanno inoltre mostrato grande interesse per i prodotti e le soluzioni di Technoalpin presentati durante la fiera: dalla macchina a ventola TR8 passando per la lancia TL6 e il generatore Snowfactory, fino all'ultima versione dell'applicazione mobile ATASSplus!
www.technoalpin.com

Created: Mercoledì, 14 Marzo 2018 13:56
Hits: 237
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato
 

Hi-Tech & design soffiano con la forza del Ventus 4.0

Il nuovo, potente generatore «4.0» prodotto dall’azienda specializzata del Gruppo Leitner definisce nuovi standard nel settore della produzione di neve tecnica con un concentrato di avanzamenti tecnologici «vestiti» con la classe e lo stile del marchio Pininfarina. Con Ventus 4.0 si alza ulteriormente l’asticella del rendimento e delle performances anche in situazioni di temperature di soglia, sposando nello stesso tempo le sempre più attuali esigenze di silenziosità e di risparmio energetico con comfort di prestazioni e dotazioni di comando estremamente funzionali, tra le quali sono comprese anche la stazione meteo integrata e la linea di Led lungo il margine della soffiante quale segnalatore visivo di funzionamento

Dicono di «Ventus 4.0…»

Gebhard Jäger (Funivie Kappl) «A convincerci è stata soprattutto la buona quantità di neve prodotta dal Ventus 4.0 a fronte della ridotta potenza di allaccio, pari a 20 kW. La bassa corrente assorbita è interessante in particolare in presenza di lunghi cavi e in questo caso fa davvero la differenza. Anche la tecnologia è realizzata in modo ottimale. Il peso ridotto facilita il trasporto».
Florian Schalber (Söllereck) «Il Ventus 4.0 ci ha soddisfatti al 100%. Ci ha convinto non solo la buona qualità della neve, ma anche l'elevata capacità di innevamento e la quantità di neve prodotta dal generatore. Uno dei vantaggi principali è la ridotta potenza di allaccio, pari a 20 kW. Inoltre, l'originale estetica del Ventus 4.0 non passa certamente inosservata. La fascia di luci a LED che attraversa l'apparecchio e funge da segnalatore visivo di funzionamento rende questo generatore di neve assolutamente unico nel suo genere».
Fulvio Pasinetti (Monte Pora) «È soprattutto la qualità della neve che sorprende, più asciutta, più delicata ..molto vicina alla neve naturale».

Dal 2017 il generatore Ventus 4.0 prodotto da Demaclenko ha definito nuovi standard sul mercato dell'innevamento tecnico. In collaborazione con lo studio di design Pininfarina è stato sviluppato un generatore di neve che di certo non passa inosservato per lo stile deciso e la forte personalità e per le sue prestazioni, le migliori della sua categoria. Nel 2017 il nuovo Ventus 4.0 firmato Demaclenko ha sorpreso il mercato dell'innevamento tecnico non solo per le sue linee futuristiche. Accanto al design moderno, ideato in collaborazione con il noto studio di design internazionale Pininfarina, si distingue anche per la maggiore efficienza energetica, la produzione di neve ottimizzata e il funzionamento particolarmente silenzioso. La fase di progettazione è iniziata con studi approfonditi, che hanno generato cambiamenti radicali. Rispetto al modello precedente è stato possibile ridurre notevolmente la potenza assorbita, con un risparmio pari al 20%, migliorando, allo stesso tempo, la produzione di neve. La portata d'acqua massima è pari a 9 l/s, mentre la potenza assorbita è di 20 kW, con una produzione di neve pari a 90 m3 all'ora. La macchina è comandata tramite un display touchscreen e il nuovissimo quadro elettrico Demaclenko Control, dotato di una robusta elettronica di potenza. Una connessione WiFi integrata consente inoltre di utilizzare il Ventus 4.0 in modo semplice e anche a distanza, tramite smartphone o tablet. Le valvole sono ora installate direttamente sulla corona di nucleazione, creando un blocco compatto. In questo modo l'energia necessaria per il riscaldamento del generatore di neve si riduce notevolmente, accelerando il processo di avviamento e consentendo di risparmiare energia durante il funzionamento del generatore a ventola. L'ottimizzazione dei nucleatori e degli ugelli ha consentito di ottimizzare le performance del Ventus 4.0 anche a temperature limite, rendendo possibile l'innevamento già a partire da -1° C. Le altre dotazioni includono la stazione meteo integrata e la linea di LED, pulita ed essenziale, che corre lungo il margine della soffiante e che funge da segnalatore visivo di funzionamento. L'assenza di parti sporgenti agevola particolarmente la manutenzione e la pulizia della macchina e, allo stesso tempo, offre un impatto visivo di grande effetto, caratterizzato da forme morbide. Le fiancate laterali dotate di agganci rapidi permettono una maggior facilità di apertura in caso di intervento. Inoltre, grazie alla collaudata girante del modello Silent e alla nuova soffiante dall'aerodinamica migliorata, è stato possibile ottenere un funzionamento particolarmente silenzioso e una frequenza sonora notevolmente ridotta, che rendono il Ventus 4.0 ideale anche per l'impiego in prossimità di zone abitate o ad alta frequentazione turistica, dove un ambiente tranquillo e piacevole in mezzo alla natura alpina è fondamentale.
www.demaclenko.com

NOVITÀ AFTER SALES CON DEMACLENKO E-CAT:
ORDINARE I RICAMBI ONLINE IN MODO SEMPLICE E VELOCE

Benvenuti in E-CAT, il nuovo catalogo elettronico online di DEMACLENKO, dal quale è possibile ordinare ricambi per i generatori e gli impianti in modo rapido e semplice. È inoltre possibile effettuare il download dei documenti tecnici e dei manuali d'uso di tutti i prodotti. Grazie al nuovo catalogo online, d’ora in poi per i clienti DEMACLENKO ordinare pezzi di ricambio sarà un’operazione di scelta e di acquisto molto facile. Si parte da una piattaforma dalla quale grazie a un filtro si cerca e si trova il pezzo desiderato, tramite il nome del prodotto o il rispettivo codice. Da qui l’utente può scegliere se procedere direttamente all’ordine oppure ricevere un’offerta senza impegno.
Disegni esplosi digitali, che riproducono fedelmente tutti gli elementi degli impianti, aiutano a scegliere i componenti giusti. È inoltre possibile effettuare il download delle schede tecniche e delle istruzioni relative al funzionamento e alla manutenzione delle macchine, nonché
molto altro.Il processo d'ordine si esegue in poco tempo come un qualsiasi acquisto online: è sufficiente aggiungere gli articoli desiderati nel carrello, compilare il modulo e inviare.
Al resto pensa lo staff After Sales Demaclenko, in modo professionale, affidabile e veloce. L'accesso al portale avviene tramite un account cliente personale, che può essere richiesto tramite il sito web Demaclenko: www.demaclenko.com


 

Created: Venerdì, 19 Gennaio 2018 08:27
Hits: 1404
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato
 
 

Anche quest’anno l’azienda del gruppo Leitner produttrice di impianti per l’innevamento programmato è stata «official partner» dell’appuntamento con la Coppa del Mondo femminile a Plan de Corones andato in scena il 21 gennaio con la disputa di uno slalom gigante. E stata ancora una volta l’occasione per dimostrare come l’innevamento tecnico sia un fattore decisivo per il successo delle grandi manifestazioni sportive e per vedere all’opera gli interventi innovativi e migliorativi predisposti da Demaclenko nel comprensorio di Kronplatz
Demaclenko, in qualità di official partner, garantisce condizioni di innevamento ottimali per le gare di Coppa del Mondo FIS a Plan de Corones, dove quest’anno si corre un gigante femminile il 21 gennaio. Ogni anno i più grandi campioni provenienti da ogni parte del mondo affrontano discese spericolate sulle più svariate piste della Coppa del Mondo e ogni due anni coronano la stagione partecipando ai campionati mondiali FIS di sci alpino. Affinché anche quest’anno le competizioni possano svolgersi alla perfezione e in assoluta sicurezza, dietro le quinte si lavora già da mesi per adottare tutte le misure necessarie a garantire le migliori condizioni possibili nelle giornate di gara. Non di rado Demaclenko è una figura chiave sul palcoscenico del Grande Sci, essendo già da anni responsabile dell’innevamento ottimale per numerose gare di Coppa del Mondo e diversi campionati mondiali delle varie discipline invernali.  Quest’anno la società è già stata impegnata più volte sulle piste di Coppa del Mondo in qualità di official partner garantendo un fondo neve perfetto per le varie manifestazioni. Insieme a molti altri e svariati aspetti, il fattore determinante per uno svolgimento senza intoppi degli eventi è sicuramente un impianto di innevamento di ultima generazione che permette agli organizzatori di procurarsi con largo anticipo la neve di cui si avrà bisogno. Anche i responsabili della gara di Coppa del Mondo di Plan de Corones hanno scelto di affidarsi nuovamente a Demaclenko come partner ufficiale per l’innevamento. Grazie alle recenti installazioni è stata ulteriormente incrementata la sicurezza dell’innevamento così da garantire il regolare svolgimento delle competizioni. Mentre l’anno scorso Demaclenko aveva fornito a Funivia Plan de Corones SpA l’intero sistema di innevamento per la nuova pista Hinterberg, comprensivo di generatori di neve, pozzetti di cemento e tubature in ghisa, e si era occupata dell’innevamento della pista di Coppa del Mondo di San Vigilio con l’efficienza di oltre 15 generatori di neve Titan, quest’anno ci si è concentrati sul potenziamento dei generatori di neve per le Funivie Valdaora SpA e a San Vigilio, integrandoli nel software di controllo di ultima generazione Snowvisual 4.0. L’highlight di questa stagione invernale è sicuramente il nuovo Ventus 4.0, sviluppato in collaborazione con il noto studio di design italiano Pininfarina. Ventus 4.0 è il risultato di approfonditi studi di forma e prestazioni che hanno portato a cambiamenti radicali. Le migliori prestazioni della categoria, quali una produzione di neve fino a 90 m³/h e un consumo di 90 kW, ne fanno un assoluto «must have» di quest’inverno.
www.demaclenko.com

Created: Lunedì, 04 Dicembre 2017 10:42
Hits: 481
Category: Portfolio
Tags: Innevamento Programmato, Impianti Di Risalita
 

Cresce il polo produttivo del «Gruppo Leitner»

Accanto agli stabilimenti LEITNER  e PRINOTH, nell’autunno 2018 sarà ultimato il nuovo stabilimento con annesso edificio adibito ad uffici DEMACLENKO. Accanto a funivie e battipista a partire da fine 2018 a Vipiteno si progetteranno e produrranno anche gli impianti di innevamento programmato. Investimento complessivo da parte del Gruppo su tutto il polo produttivo di circa 25 milioni di Euro

Da alcune settimane infatti a Campi di Sotto, la zona produttiva di Vipiteno, sono iniziati i lavori di scavo, frutto dell’accordo raggiunto, con sottoscrizione di un’apposita convenzione, tra il Gruppo Leitner e la Provincia di Bolzano. La prima parte dell’opera prevede infatti l’ampliamento della zona produttiva destinata all’azienda vipitenese, a seguito della realizzazione di una nuova strada d’accesso alla zona industriale e di una rotonda lungo la strada provinciale del Giovo. Una misura, quest’ultima, resasi indispensabile anche per incrementare il fattore sicurezza a seguito del crescente traffico lungo l’arteria stradale e dell’intensificarsi del transito di mezzi pesanti diretti a Campi di Sotto. I lavori si protrarranno sino al mese di marzo del 2018 e di fatto una volta ultimati daranno il via libera al secondo atto dell’opera.

Con lo spostamento della strada infatti la superficie a disposizione del Gruppo Leitner crescerà dagli attuali 90 mila metri quadrati a 104 mila metri quadrati. E proprio su parte della nuova superficie è prevista, inizio lavori nel mese di aprile 2018 con prevista conclusione nell’autunno 2018, la realizzazione del nuovo sito produttivo (2.650 m²) di nuovi uffici (1.340 m²) e spazio esterno coperto (450 m²) destinati a DEMACLENKO, che quindi abbandonerà la sede di Chiusa e in parte quella di Selva Gardena, per concentrare, ampliandosi sia sul fronte dei moderni spazi lavoro che verranno messi a disposizione che sul fronte dei collaboratori, destinati a salire nei prossimi anni ancor più per raggiungere in Alto Adige quota 120, la propria attività a ridosso degli attuali due stabilimenti LEITNER e PRINOTH già esistenti.

Per DEMACLENKO, dal 2011 parte del Gruppo  e reduce da un’incessante crescita in termini di personale fatturato nel corso degli ultimi anni (nel 2011 il fatturato era fermo a quota 13 milioni di Euro, mentre il 2016 si era chiuso con 50 milioni e il 2017 dovrebbe confermare il trend di crescita) l’insediamento nel polo industriale di Vipiteno costituisce non solo una riaffermazione del proprio ruolo da protagonista sul mercato mondiale, ma anche un’importante opportunità di ulteriore crescita grazie alle sinergie in seno al gruppo che risulteranno ulteriormente intensificate. Inoltre per i collaboratori DEMACLENKO, che opereranno in futuro a contatto con i colleghi di LEITNER  e PRINOTH, complessivamente saranno circa un migliaio i collaboratori del Gruppo impiegati nelle diverse sedi di Vipiteno, si apriranno interessanti opportunità di vivere in prima persona anche la variegata proposta di iniziative formative, culturali e sociali che il Gruppo promuove nella sua sede vipitenese.

Un investimento complessivo di circa 25 milioni di euro quello che il Gruppo Leitner ha avviato e porterà avanti a seguito dell’ampliamento del polo industriale di Vipiteno con conseguente insediamento di DEMACLENKO, ma anche degli importanti investimenti che si concentreranno sull’ammodernamento degli stabilimenti produttivi di LEITNER e PRINOTH.

DEMACLENKO dal 2011 fa parte del Gruppo Leitner. DEMACLENKO progetta, sviluppa, produce e commercializza sistemi di innevamento programmato in grado di fare fronte alle individuali esigenze della clientela. Un’attività che si articola attraverso le 5 filiali in Europa e la filiale negli Stati Unit potendo contare però anche su una solida rete di rappresentanti in Europa, Asia e Oceania. Anche nel corso del 2017 DEMACLENKO ha realizzato oltre 2000 generatori neve, registrando un fatturato di circa 50 milioni di euro a conferma di un continuo trend positivo, che rende l’azienda uno dei leader di settore a livello mondiale.

www.leitner-ropeways.com
www.demaclenko.com