Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Technoalpin Una nuova potenza per la neve dell’Alpe Lusia - MontagnaOnline.com

Technoalpin Una nuova potenza per la neve dell’Alpe Lusia

Category: Portfolio Created: Martedì, 26 Aprile 2016 08:24 Hits: 509
Rate this article

Nel comprensorio sciistico delle Dolomiti trentine, l’azienda di Bolzano leader nel settore della produzione di innevamento tecnico ha effettuato per conto della S.I.F. Impianti Funiviari Lusia una serie di opere per migliorare il sistema di produzione della «materia prima» che serve le piste. Ai lavori di potenziamento nelle sale di pompaggio e  sulle linee di trasporto dell’acqua si è aggiunta la fornitura dei più avanzati generatori a ventola capaci di prestazioni ed efficienza straordinarie

La Ski Area Alpe Lusia si trova nelle Dolomiti trentine e riunisce diversi comprensori sciistici. La società S.I.F. Impianti Funiviari Lusia è da lungo tempo partner di TechnoAlpin, con la quale intende realizzare due progetti sulle piste di Moena e Predazzo. Per la prima volta da 15 anni a questa parte, i pozzetti e il materiale di linea sulle piste verranno rinnovati per garantirne la conformità ai nuovi standard e assicurare un innevamento perfetto. Le piste saranno inoltre potenziate mediante l’installazione di nuovi generatori di neve. A Predazzo, la pista Zirmes si arricchisce di 27 nuovi generatori di neve: 26 lance del tipo Rubis Evo produrranno neve di eccellente qualità. In più, una macchina a ventola TF10 su lift 3,5 m potenzierà l’innevamento. Verranno inoltre installati 28 pozzetti e posati 1,7 km di materiale di linea.  Il progetto comprende interventi importanti anche nell’area di Moena, dove saranno ampliate le 2 stazioni di pompaggio: in quella di Piavac verranno installate 2 nuove pompe sommerse con una portata di 34 l/s ciascuna, mentre quella di Malga Pozza sarà attrezzata con una nuova pompa dalla portata massima di 50 l/s d’acqua. L’innevamento sulle piste di Moena sarà ulteriormente potenziato con 9 nuove macchine a ventola T40 e TF10; verranno inoltre installati 21 pozzetti e posati 2,1 km di condutture dell’acqua e cavi elettrici. Il progetto 2017 è solo la prima parte di una vasta serie di lavori di ampliamento. Nel 2018 verrà poi realizzata la seconda fase del progetto di pari entità.

L’efficienza di generatori
sempre più performanti


 

L’incremento dell’efficienza del sistema d’innevamento è un punto molto importante per i centri sciistici. Così anche SIF Lusia ha deciso di usare i generatori di neve di TechnoAlpin che sono tecnicamente all’avanguardia. Il reparto Ricerca e Sviluppo di TechnoAlpin è costantemente impegnato a migliorare l’efficienza dei generatori di neve: l’obiettivo è quello di produrre più neve impiegando meno risorse. Nel caso dei generatori a ventola, gli ugelli Quadrijet con inserto in ceramica assicurano una polverizzazione uniforme e ottimale, generando così più neve con la stessa quantità di acqua.
Juris Panzani, Product Manager di TechnoAlpin, racconta, come negli ultimi 10 anni sia aumentata l’efficienza energetica dei generatori a ventola di TechnoAlpin: «Nel 2005 - dice -  il nostro generatore a ventola M20 era il non plus ultra sul mercato mondiale: basta pensare al compressore esente da olio, pale in alluminio, ugelli in ceramica e molto altro. Dieci anni dopo, il nostro generatore a ventola TF10 è il migliore sul mercato, grazie alle numerose innovazioni, alle sue prestazioni, alla sicurezza di funzionamento, alla facilità di utilizzo e all’eco compatibilità data dai fari a LED, dalla bassa potenza termica, dalla plastica riciclabile, ecc.». Entrambi i generatori hanno una potenza della ventola di 18,5 kW e un compressore da 4 kW, oltre ad un consumo di energia molto simile. Ciò che differenzia il TF10 dal M20, è che a parità di consumo, riesce a produrre il 30% in più di neve.
«Se vogliamo, possiamo confrontare il generatore M20 con il T40 - prosegue Panzani - il T40 ha però una potenza della ventola di 12,5 kW (ben 6 kW in meno del M20), il che corrisponde ad una diminuzione del 30% di consumo elettrico. Grazie a questi confronti possiamo quindi affermare che in 10 anni siamo riusciti, grazie ad una costante ricerca, a diminuire del 30% il consumo energetico, oppure, a parità di consumo energetico, ad aumentare del 30% la produzione di neve».
TechnoAlpin continua a lavorare su costanti miglioramenti: sin dagli inizi infatti, l’azienda ha sviluppato i propri prodotti ricercando sempre il massimo rendimento col minimo spreco, cercando di garantire sempre una maggiore quantità e qualità della neve. Negli ultimi anni i risultati sono stati evidenti.

www.technoalpin.com