Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate. Inoltre utilizza cookie tecnici per migliorare la navigazione. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Klimaenergy - MontagnaOnline.com

Klimaenergy

KLIMAENERGY - RSS Comunicati
  1. Klimamobility torna a Fiera Bolzano giovedì 20 aprile 2017, una giornata interamente dedicata al business che ruota attorno alla mobilità del futuro con un convegno di alto livello e workshops affiancati da una piccola esposizione e ampia possibilità di test drive. 
     
    Il B2B mobility day si svolge a Fiera Bolzano giovedì 20 aprile 2017. Un evento che riunisce per una giornata le menti decisionali e operative del settore della mobilità sostenibile, con l’obiettivo di aggiornarsi e trarre ispirazione da un mix di contributi diversi. Imprenditori, ricercatori e città modello europee collaborano per pensare delle migliori politiche energetiche, per promuovere l’utilizzo delle energie alternative e realizzare in modo sostenibile gli obiettivi nel campo delle smart city e della smart mobility.
    Il convegno e workshops “La mobilità del futuro: intelligente, integrata e innovativa” sono firmati Klimamobility e sono accompagnati da un’esposizione di stazioni di ricarica, prodotti per la mobilità elettrica e da un’area test per provare tutti i tipi di veicoli elettrici, ibridi e ad idrogeno.
    Il convegno si svolge la mattina di giovedì 20. Il primo intervento della giornata è legato alla mobilità in Alto Adige con input su come ridurre, trasferire ed integrare i flussi di traffico ed è curato dalla Ripartizione Mobilità della Provincia Autonoma di Bolzano. L’istituto Fraunhofer IESE propone invece nuove forme di mobilità nelle zone rurali con lo specialista Steffen Hess, mentre Sampo Hietanen di Mass Global presenta “Mobility as a service: la fine dell’auto di proprietà?”. Nel 2017 la bici compie 200 anni. Michael Adler, amministratore dell’agenzia Tippingpoints e della casa editrice Fairkehr, coglie l’occasione per promuovere il grande futuro della bici in una mobilità moderna. Sulla base di best practice internazionali, mostra perché la bici in futuro avrà un ruolo fondamentale nella svolta, ormai necessaria, verso un traffico sostenibile.
    Il pomeriggio sono in programma sei workshop dedicati a tre macro temi: digitalizzazione, mobilità sostenibile nei comuni sudtirolesi e mobilità e turismo.
    Per il tema digitalizzazione, vengono proposti da IDM Alto Adige Südtirol due workshop: “Verso un sistema TPL più aperto” e “L’evoluzione green del traffico autostradale”. Per il tema mobilità sostenibile nei comuni sudtirolesi, STA e il reparto per la pianificazione territoriale della Provincia Autonoma di Bolzano organizzano due workshop dedicati rispettivamente ad “Aree ad alta qualità di vita: fate largo ai cittadini” e alla “Mobilità ciclistica nei comuni altoatesini”. Legato invece alla mobilità per il turismo è il tema scelto da Eurac, Accademia Europea di Bolzano: Alpine Destination Leadership #mobility&turism. Eurac propone un workshop dal titolo “Systematic mobility solutions for mountain destinations: intermodality and sharing” e l’altro “Mobility for all-year-round tourism in ski resorts: the role of biking”.
    I partner di Klimamobility sono IDM Alto Adige Südtirol, Car Sharing, l’Istituto per Innovazione Tecnologica (IIT), Eurac Reserch – Accademia Europea di Bolzano, Alperia, Ecoistituto, Ecomove, Strutture Trasporto Alto Adige (STA), la Provincia Autonoma di Bolzano (Ripartizione Mobilità) e l’Istituto Fraunhofer.

    Klimamobility si svolge in contemporanea con Prowinter, B2B days for snow, bike and mountain innovation e per chi desidera testare biciclette elettriche e scooter, all’interno di Prowinter Bike ci sarà una e-mobility zone aperta tutti i giorni dal 19 al 21 aprile 2017.

     

  2. Si  sono concluse le edizioni 2015 di Klimaenergy e Klimamobility con tre giorni di manifestazione che ha visto da un lato un’offerta congressuale formativa ed informativa di altissima qualità con 550 partecipanti ai convegni, tour, forum e 140 presenze alla giornata dedicata alla gassificazione, che si è rivelata una tematica centrale nel mercato delle rinnovabili, ma per contro la manifestazione ha registrato un calo sostanzioso nelle visite passando dai 6.000 visitatori del 2013 a 4.200 di quest’anno.
       
    L’appuntamento ha testimoniato il rinnovato impegno da parte di Fiera Bolzano mirato a offrire una panoramica sulle soluzioni tecnologiche più innovative per l´approvvigionamento energetico del comparto industriale, delle Pubbliche Amministrazioni e del terziario. Al centro delle due manifestazioni, i migliori prodotti e le best practices di aziende, Comuni e Province più virtuosi, frutto di investimenti in ricerca e innovazione sul fronte delle rinnovabili.

    “Nonostante l'alta qualità degli espositori presenti e dei numerosi eventi formativi e informativi che si sono svolti nell’arco delle tre giornate, il binomio Klimaenergy-Klimamobility - ha sottolineato Fabio Da Col, Responsabile Commerciale di Fiera Bolzano –ha registrato circa il 30% in meno di visite rispetto all’edizione del 2013, dovuto alla crisi del settore fotovoltaico, l’incertezza nella politica degli incentivi e l’incertezza nel mondo fieristico del settore, che ha visto negli ultimi anni nascere numerose fiere dedicate alle energie rinnovabili dando vita a una vivace concorrenza, nonché il drastico calo del prezzo del petrolio che ha fatto rallentare il mercato delle rinnovabili, anche se per fortuna non si tratta di un trend europeo. Da sottolineare l'elevata qualità del pubblico specializzato, apprezzata dalla aziende presenti ai due eventi”.

    Confermano questi trend anche i rappresentanti delle aziende espositrici: Matteo Zandonai, Socio e Procuratore di Syneco Srl afferma: “Abbiamo partecipato a tutte le edizioni di Klimaenergy, che se pur piccola è di buon livello ed è una fiera che funziona. Il numero degli espositori non è altissimo, ma la qualità è alta e Klimaenergy per questo gode di una fama positiva. Ci sono stati meno visitatori rispetto agli anni scorsi, d’altra parte il settore sta vivendo un momento di transizione, anche per quanto riguarda l’insicurezza degli incentivi”.

    Anche tra gli espositori di Klimamobility la sensazione è la stessa, Paolo Petriccione, Amministratore Delegato AutoIkaro Concessionaria BMW afferma: “Una manifestazione molto riuscita, perché ci sono espositori di qualità. Stiamo parlando di un mondo innovativo, in evoluzione e tutto da scoprire. In Italia per quanto riguarda la mobilità elettrica siamo molto in dietro, i key player del territorio locale stanno investendo in infrastruttura e naturalmente una fiera come Klimamobility da un grande slancio. Come pubblico in fiera abbiamo incontrato professionisti del settore da tutta Italia, ma anche famiglie curiose locali e questo ci fa piacere”.

    L‘indagine condotta da Fiera Bolzano su un campione di 220 visitatori rivela che oltre il 70% degli intervistati è giunto da fuori Provincia, per la maggior parte dal nord (Trentino, Veneto, Lombardia), ma anche dal centro e dal sud del Paese, con una buona percentuale anche dall’Austria w Germania. La percentuale dei visitatori con possibilità di prendere decisioni è molto alta: tra imprenditori (30%), direttori (7%) e responsabili (18%) e la grande maggioranza (93%) è soddisfatta della manifestazione e vuole ritornare (85,5%).

    La prossima edizione di Klimaenergy e Klimamobility si svolge nel 2017, a ritmo biennale. Nel 2016, in attesa di questo momento nel 2016 sarà organizzato un congresso e si premieranno le istituzioni pubbliche più virtuose con il Klimaenergy Award.

  3. Si è conclusa l’edizione 2015 del “Klimaenergy Award”, la competizione tra i  Comuni e le Province di tutta Italia più virtuosi nell’applicazione di soluzioni energetiche efficienti in ambito pubblico. Il bando, rimasto aperto da settembre 2014 a gennaio 2015, è un’iniziativa promossa da Fiera Bolzano e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano in collaborazione con la Provincia Autonoma di Bolzano, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Tis Innovation Park, Legambiente, Eurac Research, Anci e con il patrocinio dell’Acri. 

    Tavagnacco, Forlì, Bologna e Verona. Questi i vincitori della settima edizione del “Klimaenergy Award 2015”, premio nazionale che mette in luce e valorizza le migliori esperienze e i progetti energetici e ambientali più meritevoli di Comuni e Province per diffonderne le best practice anche nelle altre Amministrazioni italiane.

    Hanno partecipato alla competizione, 28 Comuni suddivisi in quattro categorie:

    1. Per la categoria “Comuni con meno di 20.000 abitanti” Tavagnacco (UD) si è aggiudicato il primo premio. Secondo la giuria, ha saputo abbinare interventi concreti sulle energie rinnovabili a una importante e originale opera di sensibilizzazione della popolazione. Le realizzazioni comprendono impianti fotovoltaici, solare, termico, geotermia con pompa di calore e il recupero di un vecchio mulino con realizzazione di una centralina idroelettrica. 

    Sono stati giudicati degne di nota le opere di promozione di gruppi d'Acquisto Solare e auto elettriche per cittadini e imprese, il concorso “Smart People” che premia l’efficienza energetica messa in atto dai cittadini e il concorso “Smart Companies” che premia l’efficienza energetica delle imprese. Non ultima, l’iniziativa mirata al censimento effettuato dal Comune per il rilevamento dei consumi energetici di famiglie e imprese.

    Nell’ambito di questa categoria sono stati assegnati due premi speciali: al Comune di Introd (AO) per il connubio tra energie rinnovabili e tutela paesaggistica che, nonostante le dimensioni ridotte, ha permesso di realizzare interventi particolarmente attenti alla sostenibilità e all’efficienza energetica. Il tutto, perfettamente inserito in un luogo di massima bellezza come il Parco Nazionale del Gran Paradiso.

     

     

    Il secondo premio speciale è stato assegnato a Moniteri (GR) per l’uso efficiente delle risorse energetiche locali. Partendo dalla risorsa naturale della geotermia che abbonda nella zona, è stato in grado di attrarre finanziamenti europei che ne hanno fatto uno dei siti più interessanti e innovativi per l’applicazione di questa tecnologia.

     

    2. Per la seconda categoria “Comuni dai 20.000 ai 150.000 abitanti” la giuria è stata impressionata dal progetto del Comune di Forlì per il suo forte grado di innovazione. Si tratta di un campo solare su un’area di circa 20.000 m2 costituito da collettori di tipo parabolico - lineare a concentrazione e inseguimento solare funzionanti con olio diatermico. Il campo solare dispone anche di un impianto fotovoltaico di 11kW di potenza a copertura delle richieste di energia elettrica del campo solare. 

    L’energia termica prodotta dall’impianto è a servizio delle imprese dell’area industriale di Villa Selva di Forlì, mentre l’energia elettrica prodotta è totalmente auto consumata.

    3. Vincitore della terza categoria “Comuni e Province oltre i 150.000 abitanti”  è il Comune di Bologna per i suoi numerosi interventi nel campo dell’illuminazione pubblica e della riqualificazione di edifici pubblici nell’ambito del PAES. Secondo la giuria il Comune è riuscito a fare un uso sapiente e strutturato di ESCO, scarsamente utilizzato da Comuni e Province italiane, trasformandolo in un elemento da valorizzare.

    4. Al Comune di Verona il “Premio Mobilità”. Nonostante le risorse limitate, il Comune è riuscito ad attuare interventi e ad attivare servizi a favore di una mobilità sostenibile. Il premio va anche all’impegno  nell’implementazione di un progetto di educazione ambientale, con un programma continuativo dal 2006, che ha portato risultati tangibili. Per la giuria, Verona ha il merito di aver attuato cambiamenti  importanti con determinazione grazie a un’idea precisa e a soluzioni facilmente applicabili. 

     

    Il “Klimaenergy Award” è un’iniziativa mirata a stimolare il confronto tra Comuni e Province sulla possibilità di intervenire concretamente sulla riduzione di emissioni di CO2, ancor oggi principale causa dell’inquinamento urbano, con l’impiego di fonti rinnovabili e sostenibili in ambito pubblico attraverso la scelta di un efficace mix di impianti e di soluzioni energetiche innovative.

    La valutazione dei progetti è avvenuta attraverso criteri sia quantitativi, tra cui il risparmio di CO2 in termini assoluti e in termini relativi in relazione al numero di abitanti del Comune, sia criteri qualitativi che riguardano il valore aggiunto ecologico ed economico, la trasferibilità delle misure adottate in altri Comuni o Province, il grado di innovazione, il coinvolgimento della popolazione locale. Sono stati tenuti in considerazione anche i benefici del progetto per il territorio e le potenzialità dello stesso per lo sviluppo di progetti futuri. Per la quarta categoria della mobilità sostenibile le Amministrazioni sono state invece valutate sulla base dei risultati ottenuti in termini di riduzione dei volumi di traffico e di consumo energetico nel settore dei trasporti.

     

    La premiazione ufficiale si terrà giovedì 26 Marzo 2015, primo giorno di Klimaenergy, fiera internazionale delle energie rinnovabili, a Fiera Bolzano sino al 28 Marzo. 

     

     

     

     

     

    KLIMAENERGY LIVE on:

    Web: http://www.fierabolzano.it/klimaenergy

    You Tube: http://www.youtube.com/klimaenergy

    Twitter: http://twitter.com/klimaenergy

    Facebook: http://www.facebook.com/klimaenergy 

    Photo Gallery: http://www.fierabolzano.it/klimaenergy/foto_video.htm

     

     

     

     

     

     

     

  4. Lo stato dell’arte e il futuro della gassificazione del legno. Questo uno dei temi portanti di grande attualità proposti da Klimaenergy, fiera internazionale delle energie rinnovabili, a Fiera Bolzano dal 26 al 28 Marzo 2015.

    Klimaenergy è la manifestazione fieristica biennale di Fiera Bolzano dedicata alla promozione delle fonti energetiche rinnovabili e alle sue applicazioni tecnologiche  rivolte agli operatori.

    Tra gli highlights dell’edizione 2015, quello della gassificazione del legno a cui Klimaenergy dedica un programma di approfondimento di alto profilo che include una sessione dedicata nell’ambito del congresso internazionale, un workshop tecnico e visite tecniche guidate a impianti di piccola, media e grande taglia. Le novità più all’avanguardia in questo settore, infine, sono presentate dalle autorevoli aziende espositrici specializzate in questo settore.

    Il primo appuntamento è per giovedì 26 marzo, primo giorno di Klimaenergy, nell’ambito del congresso internazionale organizzato da Fiera Bolzano con una sessione dedicata dal titolo “La gassificazione: una valida alternativa dalla combustione del legno”. Questo modulo del congresso, che offre una panoramica a 360° sugli aspetti tecnici ed economici, illustra lo stato dell’arte del settore della gassificazione del legno con esempi pratici sul suo impiego, sulle tecnologie e sugli aspetti economici ad esso collegati, con uno sguardo al mercato della Germania dove questa tecnologia è ampiamente impiegata.

    Venerdì 27 marzo è, invece, in programma un workshop organizzato dal TIS innovation park dal titolo “Analisi degli impianti di gassificazione di piccola taglia in Alto Adige”. Questa occasione di approfondimento mette in luce gli obiettivi del progetto GAST, la caratterizzazione degli impianti in Alto Adige con uno sguardo alla distribuzione territoriale, alle tecnologie, alle strumentazioni e alle metodologie di misurazione delle emissioni e dei sottoprodotti.

    Per toccare con mano la realtà legata all’applicazione della gassificazione del legno, Fiera Bolzano organizza, inoltre, visite tecniche guidate a impianti di piccola e media taglia nell’ambito del programma degli enertour. Giovedì 26 marzo nel pomeriggio, l’enertour 2 prevede una visita all’impianto di gassificazione di grande taglia a Campo di Trens della ditta costruttrice:  Xylogas ® EAF GmbH, Austria e una all’impianto di gassificazione di media taglia a Valles della ditta costruttrice URBAS Ges.m.b.H., Austria.

    Alcuni dati tecnici dell’impianto a Campo di Trens: messa in funzione: anno 2014; combustibile: cippato di legno; potenza elettrica: 440 kW; rendimento elettrico: 29%; potenza termica (cogeneratore): 830 kW complessivamente; rendimento complessivo: 1320 kW (87,0%); potenza complessiva utilizzabile: 1175 kW (77,5%); consumo biomassa: ca. 560 kg/h – 380 kg/h e alcuni dell’impianto a Valles: messa in funzione: dicembre 2014; 2 Gassificatori con 1 filtro gas + 1 motore a combustione interna alimentato a gas + alternatore; Potenza elettrica installata 296 kWel; potenza termica: 550 kWth; l’impianto è inserito in una centrale di teleriscaldamento; l’impianto viene alimentato con cippato di legno.

    L’enertour 4, invece, è dedicato alla gassificazione del legno di media taglia e si svolge venerdì 27 marzo la mattina all’impianto di gassificazione a Senale - San Felice della ditta costruttrice Forest Power srl, Cortaccia s.S.d.V. (Bz). Dati Tecnici: messa in funzione: anno 2013; combustibile: cippato di legno; modello: modulo FP1015; range di potenza el.: 100- 150 kWel; range potenza th.: 200- 260 kWth; ipotesi funzionamento h/a: 7.500 ore; ipotesi consumo legna anno: 575-860 tonnellate; umidità cippato: <15%; pezzatura cippato: G30-G70; volume necessario: min. 12 m x 5 m x 4,5m; tensione / frequenza in uscita: 400 V / 50Hz; unità termica: 85°C andata, 65°C ritorno.

    A seguire la visita all’impianto di gassificazione a Merano della ditta costruttrice Burkhardt GmbH, Germania. Dati tecnici: messa in funzione: dicembre 2012; combustibile: pellets di legno; potenza: 2x180 kWe e 2x240 kWth; consumo pellets: circa 110 kg/h; rendimento elettrico netto dell’impianto: circa 30%; efficienza complessiva circa 80%; residui cenere: circa 2kg/h. Inoltre, l’impianto è abbinato al riscaldamento di un grande negozio (OBI), ad un piccolo impianto ORC (40 kWe) e ad una piccola macchina frigorifera ad assorbimento che raffresca un’aula seminario e due aziende adiacenti.

    Tra le aziende presenti in fiera, altamente specializzate nel settore della gassificazione, Forest Power, Spanner, Urbas, AB Eneregy, Burkhardt, Holzenergy Wegsheid, Ligento e Future Green.

  5. Klimaenergy, fiera internazionale delle energie rinnovabili, e Klimamobility, Salone per la mobilità sostenibile, tornano a Fiera Bolzano dal 26 al 28 Marzo 2015. Presenza di aziende italiane e internazionali e ampia offerta formativa e informativa, con Enertour  a impianti virtuosi, per nuovi impulsi al mercato energetico.

    Dal 26 al 28 marzo 2015 torna Klimaenergy, fiera biennale internazionale dedicata alla ricerca e all’applicazione di soluzioni tecnologiche all’avanguardia nell’ambito delle energie rinnovabili. L’obiettivo dell’evento promosso da Fiera Bolzano, piattaforma internazionale sulle tematiche ambientali, è quello di offrire a tutti gli operatori del settore una manifestazione in grado di rispondere esattamente alle rinnovate esigenze del mercato, per promuovere e divulgare una forte cultura energetica ad ampio raggio e informare un pubblico altamente profilato.

    Il programma, che si divide nell’arco delle tre giornate di fiera, prevede visite tecniche a impianti a fonte di energia rinnovabile e a sistemi energetici comunali. Dimostrare come le innovazioni presentate durante l’evento siano applicabili alla vita quotidiana consente di vivere in prima persona un evento unico nel suo genere, in grado di unire l’aspetto teorico e pratico dell’innovazione tecnologica: è questa la ricetta vincente di Klimaenergy.

    I visitatori hanno l’opportunità, ad esempio, di partecipare al tour all’impianto sperimentale per la produzione di idrogeno di Bolzano. La struttura, grazie all’innovazione tecnologica e all’impiego di idrogeno, permette di sostituire circa 525.000 litri di benzina o 440.000 litri di diesel all'anno, per un risparmio di circa 1.200 tonnellate di emissioni di anidride carbonica.

    Tra i diversi percorsi guidati di Klimaenergy quello al nuovo impianto di termovalorizzazione e al nuovo sistema di teleriscaldamento di Bolzano, complesso architettonico in grado di produrre energia termica per almeno 5.500 famiglie.
    La manifestazione, inoltre, mette al servizio sia dei visitatori sia degli espositori un programma di alto profilo tra conferenze, seminari, workshop e convegni.

    Un’occasione unica di formazione e informazione per i professionisti del settore sui temi principali di questa edizione: gassificazione del legno, microcogenerazione diffusa, stoccaggio e autoconsumo, ottimizzazione degli impianti esistenti, servizi innovativi ed opportunità nell’era post-incentivi.

    Il percorso di qualificazione dell’offerta fieristica di Klimaenergy e Klimamobility, salone della mobilità sostenibile, prevede un importante supporto alle aziende partecipanti contribuendo a fornire competenze e know-how di portata internazionale.

    Anche l’offerta espositiva è di alto livello e prevede la presentazione delle ultime novità del settore, una panoramica di soluzioni per le imprese e per la Pubblica Amministrazione.
    Saranno presenti le aziende chiave in ambito energetico specializzate in diversi campi che spaziano dalla cogenerazione come Ab Energy Spa, alla geotermica come Geoliving GmbH, dalla gassificazione a legna come Holzenergie Wegscheid, alla gassificazione termochimica come Ligento Green Power GmbH.

    Anche in occasione di questa edizione, Comuni e Province di tutta Italia si sfidano per vincere l’ambito “Klimaenergy Award”, la competizione tra i Comuni e le Province di tutta Italia più virtuosi nell’applicazione di soluzioni energetiche efficienti in ambito pubblico. Il premio, promosso da Fiera Bolzano e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano in collaborazione con la Provincia Autonoma di Bolzano, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Tis Innovation Park, Legambiente, Eurac Research, Anci e con il patrocinio dell’Acri, sarà consegnato ai vincitori il primo giorno di Klimaenergy, giovedì 26 marzo 2015.